Clima derby al PalaGeorge di Montichiari dove va in scena la sfida tra Valsabbina Millenium Brescia e Zanetti Bergamo, in Serie A1 di volley femminile con fischio d’inizio alle 17.

Un derby decisamente atipico, con la neopromossa Brescia a quota 10 punti in graduatoria, decisamente peggiore la situazione per la formazione orobica, ancora a quota 0 e fanalino di coda della classifica, in cerca di riscatto al PalaGeorge.

Intercettato in zona mista, il dg di Brescia Emanuele Catania a pochi minuti dal derby: «Grande privilegio disputare questa partita: quando noi eravamo in Serie D, loro vincevano la Champions League. Emozione innegabile».

Squadre in campo con Bergamo che deve fare a meno della squalificata Imma Sirressi: al suo posto il secondo libero Lucia Imperiali, classe 1998. Con lei in campo il sestetto formato dalla diagonale Cambi-Mingardi (bresciana doc), in centro Olivotto e Tapp e nei ruoli di banda Acosta e Courtney. Brescia risponde con il sestetto schierato mercoledì con Cuneo ad eccezione di Haleigh Washington al posto di Julia Miniuk in centro assieme a capitan Veglia. Sulla diagonale Di Iulio e Nicoletti, Villani e Rivero in banda, Parlangeli libero.

Numerosa e rumorosissima la rappresentanza di Bergamo in trasferta: cori e tamburi per sostenere la squadra in un momento molto delicato della stagione e con i primi malumori visti i risultati.

Bergamo è in vantaggio: 0-1 (21-25)

Primo set dai due volti in questo derby di massima serie. A partire meglio è Brescia che mantiene il doppio break di vantaggio fino a metà set, dove si porta addirittura sul 17-13 (+4). Lo svantaggio innesca la reazione di Bergamo che si ricompatta, ricuce subito il gap (17-17) e passa (19-21). Nel finale di set due muri della Zanetti (5 totali nel set, solo 1 per Brescia) completano la rimonta e consegnano il primo set a Bergamo (21-25).

Brescia spreca, la Zanetti no: 0-2 (24-26)

Anche il secondo parziale sorride alla formazione orobica che strapazza Brescia nella conta dei muri (0-6 addirittura), ma trova la vittoria solo ai vantaggi, dopo esser stata sotto per 24-23. Niente da fare per la Valsabbina che sbaglia troppo nel finale di set dopo una bella rimonta (dal 9-13 al 15-15). Da segnalare il rientro in campo di Judith Pietersen, giocatrice di valore assoluto al rientro da qualche problema alla schiena. Vedremo se il suo apporto riuscirà a girare l’esito della sfida nel terzo set, anche se il morale ora non è dei migliori per Brescia.

Leggi anche:  LIVE - Valsabbina Brescia e Unet Busto si sfidano al PalaGeorge

Brescia non ci sta: è 1-2 (25-22)

Si riapre il match del PalaGeorge: reazione d’orgoglio di Brescia nel terzo set, sempre avanti e che stavolta non si fa rimontare nel finale di set, anche se c’è mancato poco. Torna in campo Villani per Pietersen e lo fa con una cattiveria diverso, diventando la principale bocca di fuoco della squadra. Sul 13-9 il primo allungo bresciano, Bergamo reagisce e pareggia (16-16), ma Brescia scappa di nuovo (23-19). Quando l’1-1 sembra cosa fatta arriva il parziale della Zanetti che si porta fino al 23-22, ma il video-check annulla e dice 24-21. Stavolta Brescia non sbaglia e riapre il match: 25-22 e 1-2 al PalaGeorge.

La chiude Bergamo: finisce 1-3 (23-25)

Arrivano i primi tre punti della stagione per la Zanetti Bergamo che chiude 1-3 il match del PalaGeorge contro Brescia. Quattro set molto tirati in cui la maggior esperienza da parte della formazione ospite ha fatto la differenza nei punti finali dei rispettivi parziali. Il set che decide la sfida vede le due squadre a braccetto (7-7, 11-11, 18-18) fino al break del 21-19 in cui Bergamo per la prima volta trova il doppio vantaggio. Brescia trova il 23-23 con un’invasione ospite, ma la Zanetti sa che non può lasciarsi sfuggire anche questi punti e con due attacchi chirurgici chiude il match. Bella la prova corale della formazione orobica che dà un segno di vita in questo difficile campionato. Buona anche la prova di Brescia, anche se c’è da lavorare sui parziali subiti in chiusura di set: letali due volte in una settimana, sia con Cuneo che con Bergamo. Seconda sconfitta consecutiva delle Leonesse che osserveranno ora il turno di riposo e torneranno in campo solo il 2 dicembre al PalaRadi contro la Pomì Casalmaggiore.