Nona giornata di Samsung Gear Volley Cup al PalaGeorge di Montichiari dove si stanno affrontando le formazioni della Valsabbina Millenium Brescia e della Unet E-Work Busto Arsizio. Brescia in cerca di punti tra le mura amiche e reduce da tre sconfitte consecutive (Cuneo, Bergamo e Casalmaggiore), anche se due di esse giunte solo al quinto set. Sconfitta anche per Busto domenica scorsa: la prima della stagione, contro Scandicci. Farfalle tra le formazioni più in palla viste in questa parte di stagione.

Squadre in campo con Millenium Brescia che consegna a coach Mazzola la targa delle 100 presenze in bianconero: una bella pagina di storia societaria per il tecnico lodigiano. Sestetto Valsabbina con Di Iulio incrociata a Nicoletti, Villani e Rivero in banda, Veglia e Washington al centro e Parlangeli libero. Dall’altro lato, Unet E-Work con Alessia Orro che compone la diagonale principale assieme a Grobelna, Herbots e Gennari in posto quattro, Berti e Bonifacio al centro, Leonardi libero.

Farfalle in vantaggio: è 0-1 (21-25)

Sorride a Busto Arsizio il primo parziale: Farfalle meglio delle Leonesse in avvio di gara e che conservano un break di vantaggio fino a metà set, quando Brescia mette la freccia e con tante buone difese riesce a portarsi sul 20-18. Come visto in altre gare, la Valsabbina stenta nella parte finale di set: le bordate di Herbots (5 punti pesanti per lei) e due attacchi out di Rivero chiudono 21-25: è 0-1 per Busto Arsizio al PalaGeorge, ma Brescia è in partita. Quattro punti a testa per Nicoletti, Rivero e Villani, dall’altro lato bene Gennari, Grobelna e Herbots, tutte a quota 5 punti.

La Valsabbina non ci sta e fa 1-1 (25-18)

Reazione d’orgoglio della Valsabbina Millenium Brescia che dopo essersi lasciata sfuggire il primo parziale, ha dominato il secondo set, portando la gara sull’1-1 (25-18). Brescia che passa a condurre fin da inizio set con il 12-5 di metà parziale che la dice lunga sull’atteggiamento delle Leonesse. Coach Mencarelli prova a mischiare le carta con Mejiners, Botezat e Vittoria Piani, ma Brescia non cede e chiude 25-18 con il muro di capitan Veglia. Cinque i muri nel set di Brescia, trascinata da una Nicoletti da 9 punti nel set (13 totali). Per Busto qualche timido segnale da parte dell’olandese Mejiners (4 punti, 1 ace), ma troppa confusione in attacco e un solo muro in due set.

Leggi anche:  Calcio femminile, le Leonesse vincono il derby bresciano

Busto torna avanti: 1-2 (24-26)

Nuovo vantaggio per Busto Arsizio nel match del PalaGeorge: le Farfalle sono avanti dopo un finale al cardipalma chiusosi ai vantaggi. Dopo lo sprint iniziale che vale il 3-8 e il 13-17, Orro e compagne spengono pericolosamente la luce: ne approfitta Brescia che con un maxi-break si porta sul 20-18 grazie al braccio caldo di Rivero in battuta (dei suoi 4 punti nel set, 3 sono ace). La rimonta subita, scuote la Unet E-Work che sfrutta le doti offensive di Sara Bonifacio per portarsi sul 23-24. Nicoletti forza i vantaggi, ma Gennari non ci sta e fa 24-26: 1-2 per Busto.

Servono 74 punti, ma Busto vince 1-3 (36-38)

Nessun errore di battitura, il quarto set riserva emozioni incredibili al PalaGeorge con un rally ai vantaggi veramente infinito. Alle fine è Busto Arsizio a festeggiare: l’incredibile 36-38 che recita il tabellone luminoso premia la Unet E-Work che porta a casa i tre punti non senza fatica. L’iniziale vantaggio di Brescia (5-1) svanisce nella rimonta varesina (7-7). L’inizio dei 24 punti di vantaggi è un episodio dubbio: Busto, avanti 23-24, chiama out l’attacco di Nicoletti, ma l’arbitro segna IN e Mencarelli non ha check a cui appellarsi. Brescia trova addirittura il punto del 25-24 e avrebbe la palla per forzare il tie-break, ma Parlangeli – ironia della sorte, tra le migliori della serata – manda in rete il bagher d’alzata. Alla fine saranno ben 9 i match-point annullati da Brescia, mentre 4 le palle-match sprecate dalle Leonesse. L’attacco finale che chiude la contesa è la zampata dell’olandese Flortie Mejiners che da posto-quattro trova d’esperienza la diagonale che vale i tre punti. Applausi per Brescia, ma zero punti in cascina quest’oggi.