Fine settimana di calcio per le atlete delle squadre bresciane.

Finisce 0-2 il derby bresciano tra il 3Team e le leonesse del Brescia CF. Bene il Cortefranca contro la Doverese, mentre il Montorfano non ce la fa contro la seconda in classifica. Ecco tutti i risultati.

Il derby

Finisce 0-2 il derby bresciano tra il 3Team e le leonesse del Brescia CF.

Una partita iniziata e conclusa con due occasioni per la squadra di casa ma per il resto quasi solo Brescia. 11 occasioni infatti per le leonesse di Mister Oro che però ne finalizzano solamente due: al 6’ del primo tempo con Bocchi, che è pronta sulla ribattuta del portiere su tiro di Brayda e al 36’ la stessa Brayda con un tiro-cross che spiazza il portiere e si insacca in rete.

Il 3Team fa comunque buona guardia e Massimo è attenta tra i pali, aiutata dalla buonissima prestazione della numero 5 Forelli, un muro in difesa. Ne questo, ne le occasioni di Messali ad inizio gara e di Sardi De Letto al 34’, 36’ e 49’ del secondo tempo riescono però a ribaltare il risultato. Il Brescia CF vince anche il derby di ritorno e si porta a casa tre punti importantissimi, che la portano a quota 34, superando così sia il 3Team che il Minerva Milano, complice anche l’inattesa sconfitta delle milanesi contro l’Atalanta, e piazzandosi così in terza posizione.

“Si è visto quello che avevamo preparato in questi quindici giorni e in campo si è visto. Risultato che non ammette repliche. – ha dichiarato mister Alessandro Oro al termine della gara – Faccio i complimenti al 3Team perché è una buona squadra e soprattutto nel secondo tempo ci hanno tenute nella nostra metà campo alzando molto il baricentro, però le mie ragazze sono state attente e concentrate e hanno tenuto botta”.Un derby molto sentito anche sugli spalti dove un pubblico numerosissimo ha incitato le rispettive ragazze con cori e canti per tutta la durata della partita. Bello è stato anche l’ingresso in campo delle squadre accompagnate, in stile serie A maschile, dalle piccole atlete di casa, che poi si sono “esibite” in una partitella amichevole nella pausa tra primo e secondo tempo.

Leggi anche:  Alessandro Mora della Canottieri Garda Salò trionfa ai Campionati Italiani

Il Cortefranca non concede nulla alla Doverese

Bene il Cortefranca contro la Doverese, mentre il Montorfano non ce la fa contro la seconda in classifica.
Le altre due gare che hanno coinvolto le squadre bresciane hanno avuto esiti opposti, ma entrambi prevedibili, che lasciano invariata la classifica.
Il Cortefranca sfida in casa la Doverese e porta a casa l’ennesimo risultato utile di questa stagione, consolidando la posizione in testa alla classifica a 8 lunghezze dalla Speranza Agrate, seconda a 38 punti.Una gara iniziata un po’ in sordina, con le padrone di casa che mantengono il possesso palla ma non riescono ad essere incisive fino al 37’ del primo tempo quando Asperti sblocca il risultato con un colpo di testa su cross di Fenaroli. La rete da la spinta giusta alle ragazze di mister Lanzetti che, da quel momento, non concedono più spazio alle avversarie che allo scadere del primo tempo segnano ancora con Giudici (44’ pt). Nel secondo tempo è ancora il Cortefranca con un’azione in solitaria di Muraro al 21’, siglando così la doppietta personale e poi al 38’ Saetti conclude perfettamente su assist di Beltrami. Finisce quindi 4 a 0: “una partita non delle più lucide per noi – fa sapere la Società dopo la gara – ma sicuramente molto importante sotto tutti i punti di vista”.

Il Montorfano si deve arrendere alla Speranza Agrate

Nell’altro match della giornata è invece il Montorfano ad avere la peggio su un’Agrate che non può perdere nemmeno un punto se vuole sperate di raggiungere la capolista.

Le padrone di casa lottano su ogni pallone ma, complice anche un’errore dal dischetto al 14’ della ripresa, con il quale avrebbero potuto pareggiare la rete fatta da Mauri nel primo tempo e portarsi sull’ 1-1, non riescono a contenere l’Agrate che chiude definitivamente la partita, ironia della sorte, proprio dal dischetto dove Biffi non sbaglia. Peccato per le ragazze di casa perché le occasioni non sono mancate in una partita rimasta aperta fino alla metà del secondo tempo.