Presentata ieri in municipio a Calvisano la finale scudetto di rugby 2018-19, tra i padroni di casa sponsorizzati Kawasaki Robot e il Rovigo, grande rivale degli ultimi sei anni. Si gioca alle 17.45 di sabato al Pata Stadium.

I protagonisti

Introduzione affidata al sindaco Giampaolo Turini: “Questa squadra ci rende orgogliosi ogni anno. Il rapporto società-amministrazione è andato intensificandosi in questi anni, oggi siamo qua per riconoscere a questa squadra di aver portato il nome di Calvisano ai vertici”. Il presidente giallonero Alessandro Vaccari ha parlato più che altro del ritorno delle polemiche pre-finale con Rovigo, una costante degli ultimi anni: “Un episodio può decidere tutto e la finale è storia a sé, ricordo quando due anni fa eravamo sotto 0-12 a metà primo tempo. Spero non ci siano polemiche sterili. Noi il nostro dovere finora l’abbiamo fatto: puntavamo a giocarci la finale scudetto in casa e ci siamo riusciti, e ad arrivare almeno in finale di Shield: quando questa coppa inizia vogliono tutti vincerla, quando la vince Calvisano non interessa più a nessuno e viene soprannominata ironicamente Coppa Gavazzi”.

Il riferimento è ad Alfredo, presidente della Federazione italiana rugby e tra i fondatori della società, spesso accusato dai rodigini di favoritismi. Anche coach Massimo Brunello si rifà alle polemiche (dei tifosi e non dei dirigenti) sulla designazione di Marius Mitrea, beccato dai rodigini sulle tribune nell’ultima sfida di campionato, come arbitro: “Mitrea c’era due anni fa in finale e anche quando abbiamo perso la semifinale d’andata l’anno scorso al Battaglini. L’avvicinamento alla partita sarà come tutte le altre volte, con gli stessi “rituali”. Il capitano Alberto Chiesa aggiunge: “Da quando sono arrivato ho visto una squadra che “conosce solo la vittoria”. La determinazione e la voglia conteranno più della tattica”.

Leggi anche:  Newcastle Ermanno Manenti scrive anche quest’anno il suo nome nella cronometro

Le formazioni

Annunciato in mattinata il quindici di Calvisano. Fuori per infortunio Kayle van Zyl, sono invece della partita Pierre Bruno e Rudy Biancotti, dati per incerti ieri. Brunello schiererà Chiesa (cap); Bruno, Garrido, Lucchin, De Santis; Pescetto, Casilio; Vunisa, Zdrilich, Casolari; Andreotti, Cavalieri; Leso, Manfredi, Fischetti. Confermata in blocco la formazione che ha battuto per 41-3 Reggio Emilia. A disposizione Morelli, Brarda, Biancotti, Van Vuren, Martani, Semenzato, Bordoli, Balocchi.

Formazione praticamente titolare anche per Umberto Casellato, coach di Rovigo. Il quindici rossoblu è formato da Odiete; Barion, Majstorovic, Antl, Cioffi; Mantelli, Chillon; Halvorsen, Lubian, Vian; Cicchinelli, Ferro (cap); D’Amico, Momberg, Brugnara. A disposizione Cadorini, Rossi, Pavesi, Canali, Nibert, Piva, Angelini, Venco. Diretta Raisport per questa finale, per chi non potrà andare alla partita: la prevendita a Calvisano è ancora aperta, con l’esclusione dei 1200 biglietti già destinati in partenza alla tifoseria di Rovigo (potrebbero arrivare in 2000 dalla provincia veneta). Cancelli dello stadio aperti dalle 15.30.