Fischio d’inizio alle 15.00 per la sfida del Pata Stadium tra Patarò Calvisano e Heidelberger RK, valida per il secondo turno di Continental Shield.

Obiettivo qualificazione

Il 34-29 dell’andata, conquistato con i denti marcando due mete nel finale quando a due minuti dal termine tutto sembrava perso, lascia più di uno spiraglio al Calvisano di Massimo Brunello. Per il tecnico di Arquà Polesine “sarà una partita difficile come all’andata, ma questa volta vogliamo vincere nel nostro campo, ci bastano solo 6 punti di vantaggio e possiamo qualificarci; la finale dà la possibilità di qualificarsi per la Challenge Cup, competizione prestigiosa in Europa dove giocano club forti, e sarebbe bello poterci misurare con loro il prossimo anno”.

La formazione

I gialloneri sono chiamati ad un mezzo miracolo, senza i due argentini Novillo e Paz in regia e il forte under Pettinelli in terza linea. Due cambi in mischia, dove Fischetti e Zilocchi sostituiscono Rimpelli e Biancotti; Mortali prende il posto di Novillo, Dal Zilio rimpiazza Balocchi mentre Venditti torna al posto di Zdrilich, con Zanetti spostato in terza linea. Cinque cambi in tutto nella formazione titolare annunciata stamattina, ventuno confermati tra i convocati.

Leggi anche:  Terreni indecorosi, pioggia di multe a Calvisano tra le polemiche

15 Chiesa; 14 Susio, 13 De Santis, 12 Lucchin, 11 Dal Zilio; 10 Mortali, 9 Semenzato; 8 Tuivaiti, 7 Archetti, 6 Zanetti; 5 Venditti, 4 Cavalieri; 3 Zilocchi, 2 Morelli (c), 1 Fischetti. A disposizione: Giovanchelli, Rimpelli, Biancotti, D’Onofrio, Martani, Casilio, Bruno, Balocchi.

Info e diretta tv

Oltre allo stadio di via San Michele, sarà possibile vedere la partita anche sulla piattaforma streaming therugbychannel.it. Arbitra Inigo Atorrasagasti della federazione spagnola. L’altra sfida del secondo turno Timisoara-Batumi, in programma alle 14 ora italiana (15 in Romania) vede in vantaggio i rumeni, vincitori 6-11 all’andata. Le due vincenti si sfideranno nella semifinale della Shield, che funge anche da finale per la qualificazione alla Challenge Cup 2018-19