Weekend sportivo positivo per le squadre di calcio femminile bresciane;  Cortefranca, Montorfano e 3Team che fuori casa conquistano tutte i tre punti, unica nota negativa il Brescia che perde, in casa, contro il Minerva Milano.

Bene le bresciane in trasferta

Nessun probelema per il Cortefranca che vince facile 1-5 contro il Lesmo, ultima in classifica. Nessun problema per le ragazze di mister Lanzetti che chiudono il primo tempo in vantaggio grazie alla doppietta di Saetti. Nel secondo tempo Valesi porta la squadra sullo 0-3 ma il Lesmo alza la testa con Coccomiglio al 25′ e regala qualche minuto di speranza alla squadra di casa, stroncato, 2 minuti dopo dalla rete di Picchi.
Muraro al 40′ la butta dentro e chiude la partita. Risultato prevedibile e prestazione ottima della squadra franciacortina che dimostra ancora una volta di meritarsi il primo posto, in solitaria.

 

Vittoria facile per il Montorfano

Buona prestazione del Montorfano che torna da Pero con tre punti importanti. La squdra ospita passa subito in vantaggio, dopo un’occasione sprecata da Santoro a pochi secondi dal fischio d’inizio, con Martino che servita da Maffi, non sbaglia e porta subito la squadra sullo 0-1.
Una rete al secondo minuto permette alla squadra bresciana di giocare con maggior tranquillità. Altre due occasioni nel primo tempo, una per Martino e una per Previtali, che però non vanno a buon fine e una Dreamers che prende coraggio e nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo prova ad impensierire Fava, ma senza successo.
Il secondo tempo si apre con una rete, al 6′, di Santoro che, a due passi dalla porta, non sbaglia. La partita si chiude 0 -2, con la squadre di Mondini che si porta a casa tre punti importanti.

3Team torna quarto in classifica

Una vittoria sofferta, invece, per il 3Team che riesce comunque a portare a casa 3 punti preziosi che la riportano quarta in classifica. Le ragazze della mister Paggi vincono in trasferta 0 – 2: è Sardi de Letto a sbloccare il risultato al termine del primo tempo, su cross da calcio d’angolo di Sisti. Il raddoppio arriva a metà ripresa con un gran tiro da fuori di Baroni che si insacca imparabile all’incrocio.

Leonesse beffate da un rigore

La storia si ripete per le ragazze del Brescia CF che, anche stavolta, non riescono a segnare al Minerva. Una partita iniziata subito a ritmi altissimi, con il Brescia che non riesce a giocare palloni puliti a causa del pressing aggressivo della squadra ospite. Non ostante questo, le prime due occasioni sono per la squadra di casa, entrambe con Zangari, che però non finalizza. L’episodio decisivo è al 14′ quando Rossini, in area, viene atterrata da Brevi, l’arbitro fischia e Bassi dal dischetto non sbaglia. Brevi cerca subito di farsi perdonare ed è pericolosa al 18′ con una conclusione respinta da un difensore e al 27′ quando colpisce un palo di testa, sugli sviluppi di un corner. Altro legno per il Brescia pochi minuti dopo con Lazzari. Il primo tempo si chiude con Brayda che prova una conclusione dalla distanza, ma nulla da fare. Il secondo tempo prosegue come il primo, diverse occasioni per la squadra di casa ma la palla non entra: da segnalare Zangari al 12′ scavalca con un doppio sombrero in area due avversarie ma conclude incredibilmente addosso all’estremo difensore della Minerva. La partita termina così 0-1.

Leggi anche:  Il pattinaggio Trenzano sbanca Rivoltella

Una sconfitta pesante per la squadra di mister Oro: “Non siamo partite bene, poi andare sotto subito certamente non ci ha aiutate. Poi qualche fraseggio, qualche azione in velocità l’abbiamo creata, e comunque siamo andate vicino al gol in più occasioni, però non è stato abbastanza per recuperarla”. Rammarico anche per Zangari: “La cattiveria sottoporta manca e dobbiamo lavorare di più tutti i giorni per migliorare e per far sì che in partita non si ripetano più gli stessi errori.”. Dagli errori bisogna imparare, “Non dobbiamo più considerare le partite del girone d’andata perché abbiamo dimostrato di avere la possibilità di recuperare qualsiasi partita – ha detto Chiara Pedemonti, sicuramente una fra le migliori in campo ieri “e dobbiamo imparare a credere di più in noi stesse per cercare di arrivare al nostro obiettivo, il secondo posto”.

TORNA ALLA HOME