Gli appuntamenti con il progetto Fondali puliti prosegue. Domenica mattina una cinquantina di sub del Gruppo sommozzatori Iseo e dell’Ysei sub diving club si sono recati al Porto industriale di Iseo per una mattinata dedicata alla cura del lago.

Uno specchio d’acqua da tutelare

Sono tanti i gruppi che collaborano nel progetto, chi per sensibilizzare, anche attraverso degli incontri nelle scuole con i più piccoli, a chi si rende disponibile attraverso le immersioni per il recupero dei rifiuti. Sono tutti volontari i sommozzatori fautori del setacciamento dei fondali lungo tutta la costa. Presenti anche il gruppo sub “Smile divers”, la “Protezione Civile”, i sub di Monte Isola, volontari gruppo soccorso Sebino, sub Vallecamonica e i “North central divers”.

Le microplastiche sono nemiche del lago

Nel 2017 da una ricerca fatta da Legambiente ed ENEA, sono emersi dei dati allarmanti. Nelle acque del lago di Iseo sono stati riscontrati una media di 63 mila particelle di plastica.

Le microplastiche a quanto ha dichiarato Giorgio Zampetti, responsabile scientifico di Legambiente, “sono ormai sempre più presenti negli ecosistemi marini e terrestri, si tratta di un inquinamento di difficile quantificazione e impossibile da rimuovere totalmente. Le cause sono per lo più dovute alla cattiva gestione dei rifiuti a monte e l’apporto che deriva dagli scarichi degli impianti di depurazione e da quelli che ancora oggi finiscono nei fiumi e nei laghi senza trattamento alcuno”.

Leggi anche:  Si finge Andrea Pirlo e truffa negozi di lusso: acquista capi e non li paga

L’articolo completo sul Chiariweek del 21 giugno