Tensioni nella lista civica Patto per Paratico tanto che il consigliere Paolo Agnellini, il candidato sindaco del gruppo, si è dimesso dal suo ruolo.

Dimissioni a sorpresa

Agnellini si è dimesso all’inizio del Consiglio comunale di ieri, 16 luglio, a causa di tensioni interne del gruppo, che sembrano essere collegate alla scelta del consigliere di votare favorevolmente al programma del lista di maggioranza Paratico Futura, durante lo scorso consiglio comunale di insediamento.

Chiarisco che la decisione di votare favorevolmente ha appoggiato il cosa, non il come, questione su cui forse ci sarebbe stato il mio disaccordo, o forse no.

Ho ammesso subito all’interno del gruppo la motivazione del mio gesto (dovuto anche dall’emozione del momento), e io, insieme alla maggioranza dei membri di Patto per Paratico, abbiamo di comune accordo deciso di coglierne l’ottica costruttiva, ovvero avallare un cenno di dialogo verso la maggioranza non solo nelle parole ma anche nei fatti, le cui linee di fondo, come nelle altre liste, mirano di fatto al bene del paese.

A distanza di un mese, a mio avviso inaspettatamente, la maggioranza dei componenti del mio gruppo si è rivelata quella che mi ha sfiduciato, chiedendo le mie dimissioni poiché il mio gesto pareva essersi trasformato in un errore di gravità irreparabile.

Saluto al Consiglio

Agnellini ha così lasciato il Consiglio “rispettando la decisione del mio gruppo ma contro la mia volontà”.

Leggi anche:  La Lombardia stanzia 6 milioni di euro per borse di studio e giovani ricercatori

Nel prossimo Consiglio comunale dovrebbe essere sostituito da Giulio Ruggeri, già consigliere con Impegno per Paratico e persona com più preferenze dopo il candidato sindaco.

TORNA ALLA HOME PAGE