A Manerbio sono stati riconosciuti i debiti dei servizi non pagati della partecipata Bbs.

Debiti fuori bilancio e previsioni

“È un punto che appare preoccupante per l’Ente, in realtà è l’unico modo per pagare un debito per cui non è prevista una risoluzione alternativa, ovvero senza un contratto – ha spiegato l’assessore al Bilancio Paola Masini – Si tratta di una quota del canone pagato alla società partecipata Bbs che aveva in gestione anche la manutenzione straordinaria degli immobili comunali. A luglio il servizio è stato internalizzato dal Comune. I primi sei mesi sono stati pagati e i restanti sei inseriti nel debito fuori bilancio. Parte della quota era già approvata nel Consiglio comunale di ottobre ed è stata fatta una fattura alla società per una serie di servizi quantificati. In ogni caso i lavori sono stati effettuati anche in assenza di un contratto. Il pagamento è comunque inferiore a quello previsto, ma è dovuto: se non fosse stato internalizzato il servizio avremmo dovuto pagare il canone integralmente”.

E’ stato infine approvato il bilancio di previsione. “È un bilancio leggero, senza grandi progetti perché siamo alla fine del mandato – ha detto Masini – Abbiamo applicato gli stanziamenti obbligatori e necessari, cercando di mantenere invariata la spesa per i servizi ai cittadini”.