E’ stato un Consiglio comunale richiesto, rifiutato, poi convocato e infine non concretamente realizzato. Il tema dovevano essere i costi e la nomina del responsabile dell’Ufficio Tecnico, ma il contenuto della richiesta non è stato discusso.

I fatti dei giorni scorsi

Il Consiglio comunale era stato richiesto alcune settimane fa dal gruppo di Tiberio Boni, Cristino Bettoni e Clara Alberti per discutere della nomina del responsabile dell’ufficio Lavori Pubblici. Secondo il gruppo Sosteniamo Paratico invece con un quinto dei consiglieri il presidente del Consiglio aveva l’obbligo di convocare il Consiglio ma per il primo cittadino non era un obbligo.

La convocazione senza discussione

Lo scorso venerdì è arrivata a sorpresa la convocazione per il consiglio da svolgersi mercoledì. Al momento di discutere le questioni richieste dal gruppo di minoranza il sindaco Gianbattista Ministrini ha ribadito la sua posizione sottolineando che in Consiglio vanno discussi solo determinati temi nei quali non rientrerebbero quelli richiesti da Sosteniamo Paratico.

Leggi anche:  Nuova auto per la Polizia Locale di Paratico

All’opposizione non è stato dato modo di dire la propria.

Tutti i dettagli sull’intricata vicenda sul ChiariWeek in edicola dall’11 ottobre.

TORNA ALLA HOME PAGE