Lunedì ci sarà un altro Consiglio; è stato convocato d’urgenza dal sindaco Luigi Vezzoli per l’approvazione.

Ancora un Consiglio comunale

LEGGI ANCHE: Mozione di sfiducia al palo, ma i numeri non ci sono

Ieri sera, 24 gennaio, si è svolto un Consiglio comunale di fuoco in cui solo per un tecnicismo il sindaco non è stato sfiduciato con una mozione della minoranza, che di fatto non è più in minoranza.

Prima però della mozione finale doveva essere effettuata la surroga di Andrea Salogni con Ovidio Brignoli; a seguire è stato votato il punto riguardante le partecipate e poi, al terzo punto, il Consiglio avrebbe dovuto votare la proroga del Documento di Piano, un atto tecnico legato al Pgt.

Pgt non passa in Consiglio

Pesantissime  le critiche che la minoranza ha fatto contro il sindaco e il suo gruppo che avevano assicurato di riprendere in mano il Pgt approvato da Fabrizio Rigamonti sindaco, subito dopo essere stati eletti. Ma così non è stato.

“Se vi foste confrontati con la minoranza i numeri per cambiare questo Pgt che non piace a nessuno li avreste trovati; invece la prima cosa che avete fatto è stata votare per un altro supermercato – hanno affermato dalla lista Insieme per Capriolo – Quando c’era Rigamonti dicevate di essere contrari a quel Pgt ma non avete fatto nulla per cambiarlo”.

Leggi anche:  Bagnolo Mella, il Consiglio congela la discussione su Basma Bouzid

Alla conta dei numeri il punto all’ordine del giorno non è passato: 6 voti contrari di tutte le minoranze escluso Rigamonti che ha votato astenuto.

Nuovo consiglio

Questa mattina, 25 gennaio, poche ore dopo dalla bocciatura del punto, Vezzoli ha riconvocato il Consiglio solo sulla proroga; per chiarire, non si tratta di votazione del Pgt ma dell’approvazione della proroga del Documento di piano, un atto burocratico che deve essere approvato per obbligo di legge e dopo il quale si potrà comunque modificare il Pgt. Di certo però non lo farà questa Giunta vicina al termine (naturale o meno).

“Ho dovuto convocarlo perché è un atto obbligatori o da approvare e non una scelta politica, io devo tutelare il paese da sanzioni” ha affermato il sindaco.

Se ci siano i numeri in Consiglio per approvare la proroga ancora non si sa.