I Verdi all’Aeroporto di Montichiari: “Una cattedrale nel deserto”.

Conferenza stampa

“L’Aeroporto di Montichiari è una cattedrale nel deserto” così hanno esordito questa mattina i Verdi datisi appuntamento proprio al D’Annunzio. Dario Balotta (candidato alle europee con Europa Verde) che ha dato il via ad una partita a pallacanestro proprio all’ingresso dell’Aeroporto, dal momento che la direzione non ha permesso alla compagine di farlo all’interno della struttura.

I numeri

“13mila voli all’anno per un aeroporto che nei 20 anni che è nato ha speso per investimenti 70 milioni – ha specificato Balotta – mentre 100 milioni secondo i nostri calcoli sono i ripianamenti del disavanzo di bilancio negli anni in cui la Catullo ha dovuto coprire il disavanzo di Montichiari. 170milioni totali per la gestione dell’aeroporto, a cui si aggiungono quelli per i Vigili del fuoco, le Forse di polizia, la dogana, le forze sanitarie”.

La risposta a Giorgetti

Balotta, supportato anche dal presidente dei Verdi di Brescia, Salvatore Fierro, ha voluto rispondere al sottosegretario Giorgetti che la scorsa settimana è stato in visita proprio all’Aeroporto. “Giorgetti ha dichiarato che bisogna ingrandire l’aeroporto, ma ci pare che lo Stato abbia qualche problema ad individuare le risorse economiche. Che si cominci qui a fare la spending review. Oltretutto stiamo parlando di un territorio, come quello di Montichiari, dove manca un piano di risanamento e recupero di cave e discariche”.

Leggi anche:  Elezioni comunali e europee, l'affluenza di mezzogiorno