È scattata ieri la prescrizione relativa alle sentenze subite in primo e secondo grado da Elena Zanola riguardanti la vicenda Gedit.

Annullate le sentenze

La Corte di Cassazione, senza ulteriormente pronunciarsi sui fatti o entrare nel merito delle sentenze già precedentemente emesse, ha solo preso atto della decorrenza dei termini, annullando di fatto la condanna a tre anni di reclusione che era stata inflitta 11 mesi fa dalla Corte di Appello all’ex sindaco di Montichiari.

Elena Zanola ha scontato 23 giorni agli arresti domiciliari e pagato una provvisionale di 80 mila euro a titolo risarcitorio ma non dovrà subire nessuna condanna.

Le accuse

Le accuse mosse contro l’ex amministratrice erano quelle di abuso d’ufficio e dell’utilizzo di mezzi illeciti e falsi per costringere la famiglia Gabana, proprietaria della discarica Gedit, a sottoscrivere una convenzione per lo stoccaggio dei rifiuti e per i danni ambientali ad esso connessi basata su una cifra ritenuta per la procura assolutamente fuori mercato.

La prescrizione

La prescrizione dei reati riguarda lo scorrere del tempo sulle vicende giuridiche: il trascorrere di un periodo temporale più o meno lungo può, infatti, portare all’estinzione di quei reati per i quali non sia ancora stata pronunciata una sentenza di condanna in via definitiva.

Leggi anche:  Gardaweek è in edicola. La prima pagina versione bresciana

Il dibattito sulla prescrizione dei reati è di grande attualità oggi ed uno dei terreni di scontro delle varie forze politiche in Parlamento.

TORNA A HOME PAGE