Alle 17.30 otto consiglieri hanno presentato le proprie dimissioni per far decadere il sindaco Gianpietro Ferrari.

Ora la comunicazione dovrà essere inviata alla Prefettura che dovrà nominare un Commissario che amministrerà il paese fino alle prossime elezioni.

Nessuno ricorda una caduta di un sindaco a Corte Franca.

Corte Franca senza sindaco

Quattro degli ex compagni di squadra di Ferrari hanno dato le proprie dimissioni assieme ai quattro esponenti della minoranza. Sono stati il vicesindaco (fino a poche ore fa) Diego Orlotti, il consigliere di maggioranza Plebani, e le consigliere Elena Bonomelli (assessore fino a un anno e mezzo fa) e Maddalena Proto, entrambe da tempo molto critiche con la maggioranza e spesso contrarie a molti punti all’ordine del giorno in Consiglio.

Con loro anche i quattro componenti della minoranza di Prima di tutto Corte Franca, l’ex sindaco Giuseppe Foresti, e i consiglieri Sabrina Baglioni, Giulia Marini, Lorenzo Olivero.

Le ragioni delle dimissioni degli ex della maggioranza

La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato l’aumento dei costi per l’isolo ecologica. Secondo Orlotti negli ultimi giorni il preventivo dei costi è lievitato di circa 200mila euro.

I 5 ex della maggioranza hanno però sempre lamentato soprattutto mancanza di condivisione delle scelte, di rispetto e ascolto.

Leggi anche:  De Corato, stretta sul narcotraffico

“La nostra decisione non arriva dall’oggi al domani ma è frutto di una lunga riflessione – hanno affermato – Il problema è che noi stiamo sul territorio e sentivamo le esigenze dei cittadini, le lamentele, per quello che non veniva fatto. Ma parlare con il sindaco ci faceva sempre trovare di fronte a un muro di gomma”.

La minoranza

“Le motivazioni sono da ricercarsi nel cattivo operato di questa Amministrazione comunale, sottolineato più
volte nel corso di questi 3 anni, e nella ormai palese assenza di una maggioranza a sostegno dell’operato
della giunta – ha affermato il gruppo Prima di tutto Corte Franca – Nonostante la parola d’ordine del programma elettorale fosse “rispetto”, in soli tre anni di Amministrazione Ferrari abbiamo assistito a tutto ciò che è contrario al rispetto e del confronto”.

Gli antefatti:

Il sindaco di Corte Franca contrattacca: “Preparate una mozione di sfiducia”

La variazione di Bilancio non passa ma il sindaco di Corte Franca rimane

La mozione della maggioranza di Corte Franca passa: via due consigliere elette fra le loro fila