Consiglio regionale e Anci, firmato protocollo d’intesa. L’unione fa la forza. E’ stato sottoscritto questa mattina a Palazzo Pirelli il protocollo d’intesa tra Consiglio regionale della Lombardia e Anci Lombardia. A firmare l’accordo il presidente dell’Assise regionale Alessandro Fermi e il presidente di Anci Lombardia Virginio Brivio.

Il documento e gli obiettivi

La finalità principale del protocollo è quella di rafforzare i rapporti e lo scambio di informazioni tra l’associazione dei Comuni lombardi e il Consiglio regionale, nell’intento di promuovere una sempre maggiore sensibilizzazione dell’azione amministrativa e legislativa regionale nel recepimento delle aspettative e delle richieste dei Comuni e degli Enti locali.  Il protocollo si pone tra gli obiettivi principali quello di concretizzare una maggiore ed efficace partecipazione dei Comuni alle attività del Consiglio regionale; rendere più efficace il ruolo del CAL, il Consiglio delle Autonomie Locali, nell’interlocuzione con il Consiglio regionale; realizzare iniziative comuni sul territorio che consentano agli Enti locali di partecipare alla costruzione del percorso di autonomia regionale in atto; individuare e strutturare occasioni di aggiornamento sui temi di finanza locale con il supporto di Polis Lombardia e avvalendosi della presenza in Anci Lombardia dell’istituto per la Finanza e l’Economia Locale; promuovere momenti di confronto e di formazione cui far partecipare funzionari del Consiglio regionale e dei Comuni; studiare e attivare progetti Europei nei settori di reciproco interesse.

Il commento di Fermi

“In questa legislatura il Consiglio regionale dovrà cercare di essere sempre di più non solo la casa di tutti i cittadini lombardi, ma anche e soprattutto la casa di tutti gli amministratori locali– ha evidenziato Fermi – Lo dico guardando al quadro del nostro sistema delle autonomie locali che oggi vede l’Ente Provincia incapace di svolgere quel ruolo di interfaccia con i Comuni che per anni ha regolato i rapporti. Vedo quindi la necessità di creare una corsia privilegiata con tutti gli amministratori locali, a iniziare dai tantissimi sindaci dei piccoli Comuni, che nell’istituzione regionale devono trovare un supporto e un aiuto anche in termini di competenze che qui certamente non mancano. La firma di questo protocollo pone oggi le basi per iniziative e azioni condivise a sostegno dei nostri Comuni e rafforza il percorso istituzionale per la richiesta di maggiori forme di autonomia avanzata dalla nostra Regione”.

Leggi anche:  Ospedali ed ex Asl: ecco i cento candidati ai posti chiave | Sanità Lombardia

La soddisfazione di Anci

Soddisfatto anche il presidente di Anci Lombardia Virginio Brivio: “Questo protocollo non ha solo valore simbolico e politico, ma investe in modo concreto e con impegni e azioni precise molti ambiti di interesse comune. Come Anci non possiamo che esprimere piena soddisfazione pronti a fare la nostra parte per quanto ci compete”.

Durata e costi

Il protocollo avrà durata e validità per l’intera legislatura, e sarà poi sottoposto a successivo rinnovo consensuale. Le risorse necessarie per l’attuazione degli interventi saranno di volta in volta concordate e definite dalle parti in sede di approvazione dei singoli progetti.