Castenedolo adotta la “Carta dei diritti della bambina”, così si è espresso il Consiglio comunale unito nella seduta di venerdì.

“Carta dei diritti della bambina”

Un documento unico nel panorama della cultura di genere, redatto dalla BPW Europa a seguito della drammatica condizione femminile denunciata a Pechino nella Conferenza mondiale sulle donne del 1995. Ispirata alla Convenzione ONU sui Diritti del fanciullo del 1989, a differenza e ad integrazione di questa, che pone sullo stesso piano i due generi, la Carta dei diritti della Bambina li distingue in termini di caratteristiche e bisogni, avuto riguardo alle diverse connotazioni fisiche ed emozionali.

L’articolo completo in edicola da venerdì 3 agosto con MontichiariWeek.