Ennesima sorpresa nella politica capriolese dopo che questo pomeriggio, 13 dicembre, verso le 16.30 il consigliere Andrea Salogni ha rassegnato le sue dimissioni per “motivi lavorativi”.

Dimissioni

Questo pomeriggio sono arrivate in Comune le dimissioni di Andrea Salogni, il consigliere eletto nella minoranza, ma che da tempo sosteneva l’operato del sindaco Luigi Vezzoli, votando favorevolmente in Consiglio e permettendo alla Giunta di continuare a lavorare dopo il passaggio alla minoranza di Clemente Salogni, Massimo Reccagni, Carolina Zerbini.

Una figura fondamentale per il proseguio dei lavori dell’Amministrazione Vezzoli che ora sembra fuori dai giochi.

E ora?

Ora a Salogni succederà il secondo più votato della sua lista Capriolo riparte. Non è detto però che il consigliere entrante darà il sostegno a Vezzoli visto che la lista era originariamente d’opposizione.

Le parole di Andrea Salogni

Ecco come ha spiegato le sue dimissioni il consigliere Salogni:

Le mie dimissioni sono prettamente inerenti a impegni lavorativi che non potevano più garantire la mia presenza ai consigli comunali, pertanto per onestà politica e per la trasparenza che mi caratterizza ho preferito dimettermi.

Ringrazio comunque tutti per la fiducia in primis il Sindaco Luigi Vezzioli, tutti I consiglieri di maggioranza e minoranza, gli Assessori, i Dirigenti e tutti i dipendenti inoltre ringrazio per l’esperienza maturata in questi quasi 5 anni di Consigliere.

Ci tengo moltissimo a ringraziare tutti i miei collaboratori del Gruppo Capriolo Riparte/ Fratelli d’Italia per il sostegno e la stima che mi hanno sempre riservato.

 

Leggi anche:  Camion fuori strada a Capriolo, traffico bloccato

Gli ultimi fatti amministrativi in ordine cronologico:

La variazione di bilancio non passa, giunta di Capriolo in bilico

La giunta di Capriolo non molla, lunedì un altro Consiglio comunale

Salta la convocazione del Consiglio di Capriolo, dopo che il bilancio è rimasto al palo

Passa la variazione di bilancio a Capriolo, ma Rigamonti minaccia la Corte dei Conti