Il concept Audi PB18 e-tron sarà presentato alla Pebble Beach Automotive Week di Monterey, in California. L’elettrica Audi PB18 e-tron è un’interpretazione radicale delle supercar del futuro. Caratterizzata da una generosa impronta a terra e da un ridotto sviluppo verticale. Ispirata alla galleria del vento e all’utilizzo in circuito, sposta verso l’alto l’asticella delle vetture ad alte prestazioni. Disegnata nel nuovo Centro Stile Audi di Malibu, in California, PB18 e-tron si avvale dell’esperienza in pista e dei molteplici successi conseguiti a Le Mans dalla Casa di Ingolstadt. Lo sviluppo è stato affidato ad Audi Sport GmbH, affiliata del Brand specializzata nei modelli high performance. Il nome PB18 e-tron evoca sia la sede della première, Pebble Beach, sia il DNA della tecnologia elettrica condivisa con Audi R18 e-tron, vincente vettura da competizione di categoria LMP1.

Concept Audi PB18 e-tron e Audi Aicon

Sin dal primo sguardo, Audi PB18 e-tron denota una spiccata affinità con un’altra spettacolare concept del Marchio, Audi Aicon. Non solo per i caratterizzanti elementi di design, in primis i cristalli laterali a inclinazione differenziata – nella parte superiore si accentua la curvatura verso l’interno – e gli ampi passaruota, quant’anche per la trazione elettrica e l’adozione di accumulatori allo stato solido.

Supercar su pista e su strada

Se Aicon nasce quale veicolo di lusso a guida autonoma per le lunghe percorrenze, un vero e proprio “business jet” su ruote, i progettisti Audi hanno ideato PB18 e-tron quale autentica supercar per l’utilizzo in pista e su strada. Dinamismo ed emozione sono le parole d’ordine nell’identificare la vettura. Obiettivi quali la potenza del sistema propulsivo, la tenuta di strada e l’ergonomia concorrono a definire ogni dettaglio. L’orientamento dell’abitacolo al conducente raggiunge una nuova dimensione.

Leggi anche:  Classe E 4Matic All-Terrain, la nuova dimensione dell’off-road

Progetto “Level Zero”

Il nome attribuito in origine al progetto era “Level Zero”. Così da distinguerlo nettamente dai livelli di guida autonoma (3, 4 e 5) sui quali lavora attualmente il Marchio. Con Audi PB18 e-tron, infatti, a guidare è il conducente. È lui, e solo lui, ad accelerare, frenare e sterzare. A bordo non sono presenti i sistemi di guida autonoma e nemmeno le classiche dotazioni votate al comfort che, inevitabilmente, incidono sul peso dell’auto. Il sedile del conducente e la plancia sono integrati in una monoscocca interna, spostabile lateralmente e posizionabile, qualora si viaggi da soli, al centro dell’abitacolo, come a bordo di una monoposto. E’ la configurazione ideale per l’utilizzo in pista. Una caratteristica resa possibile dalla configurazione by wire di sterzo e pedali che permette di rinunciare al collegamento meccanico dei comandi.