Un dono alla comunità, inaugurato l’opera d’arte della scuola dell’infanzia di Torbiato

L’arte e la scuola

L’arte per raccontare un gioiello nascosto alla vista del mondo. Così si potrebbe definire il parco all’interno della scuola d’infanzia di Torbiato. E’ stata proprio la necessità di richiamare l’attenzione su quest’aspetto della struttura, che ha spinto le maestre a richiedere l’intervento della pittrice Tina Moretti.

L’artista locale, diplomata all’Accademia di Brera in arte e scultura, con le sue opere persegue l’obbiettivo di avvicinare i bambini all’arte. Tra le varie iniziative artistiche della docente-artista anche il recente evento franciacortino “un chilometro di tela”.

Per la scuola Virginia Romanini si è cimentata nella creazione di un trompe l’oeil (dal francese l’inganno dell’occhio) sul muro che circonda il giardino, per aprire una breccia artistica e far scoprire alla comunità la scuola e gli spazi formativi.

L’artista

La Moretti ha dipinto su un pannello di più di 10 metri uno spaccato di vita quotidiana della scuola, svelando al mondo il parco nascosto, attraverso una finestra immaginaria nel muro di pietra.

Leggi anche:  L'Urbani e Nespoli di Coccaglio festeggia 110 anni

I volti dei piccoli alunni

In questo dipinto l’artista ha rappresentato diversi bambini che trascorrono le loro giornate nel parco dietro la recinzione del civico 9 di via del Dosso. Marta, Noemi, Ester, Maddalena, Aurora e Francesco sono solo alcuni dei nomi dei giovani studenti protagonisti dell’opera. Il pannello è stato inaugurato lunedì 3 dicembre dai presenti, tra i quali don Francesco Rezzola, il nuovo parroco del paese, in presenza delle maestre e dei loro piccoli alunni. Questa però non è l’unica creazione della pittrice, che spesso collabora con le maestre. Due anni fa ha realizzato la scenografia dello spettacolo di Natale.

Un dono alla comunità

L’opera di Tina Moretti non vuole però solo rappresentare un dono per la comunità, vuole anche imprimere nella memoria di tutti un ritratto di vita quotidiana, di infanzia, immortalato così per sempre tra i colori dell’artista.

Nel prossimo numero del Chiariweek ricco spazio alla gallery dell’evento.

TORNA ALLA HOME PAGE