L’europarlamentare Massimiliano Salini e il direttore generale del Circolo delle Imprese Gabriele Barucco hanno parlato agli imprenditori durante la serata di martedì ospitata al Franciacorta Outlet Village.

Verso un futuro migliore

«L’impresa italiana, lombarda in particolare, è il punto di partenza per una politica sana». Un messaggio chiaro quello dell’europarlamentare Massimiliano Salini, presidente della Commissione Industria, Ricerca ed Energia del Parlamento europeo. «Qual è il legame tra politica e impresa italiana? Un dato su tutti, l’Italia ha sostenuto dal 2015 al 2017 una spesa maggiore per interessi sul debito rispetto alla spesa che l’istruzione. Questo è un Paese che sta pagando di più gli errori della politica di quanto non investa sull’istruzione per i propri cittadini, in particolare i giovani. Dobbiamo ripartire da capo». Salini da indicazioni chiare anche sulla strada percorrere. «Dobbiamo investire sul talento. La voglia non manca di sicuro, in giro c’è rabbia, a tratti anche disperazione ma anche voglia di ripartire».
Siamo un Paese eccezionale di creatività, ingegno. L’impresa italiana è il punto di partenza, poi serve metodo e fatica per perseguire gli obiettivi. Per riuscire a cambiare la politica bisogna invaderla».

Storia di impegno

La storia di Gabriele Barucco, direttore generale del Circolo delle Imprese, parla proprio di questa tenacia.
«Tre anni fa ho iniziato a visitare le aziende con il Circolo delle Imprese, oggi siedo in Consiglio regionale. Ho l’onore di fare nella vita quello che mi piace, di incontrare tante persone, ascoltarle e provare ad aiutarle concretamente. Il futuro passa da queste relazioni. Se noi aiutiamo l’impresa, sosteniamo un futuro percorribile per il nostro Paese».

Leggi anche:  L'Urbani e Nespoli di Coccaglio festeggia 110 anni