E’ stato un corteo di studenti che sabato è sceso in piazza per dire no al bullismo.

Manifesti in piazza

Un iniziativa del consiglio comunale dei ragazzi, e stimolati dai rappresentanti del CCR. Sono stati esposti nella piazza principale diversi cartelloni, una sintesi di un lavoro molto più complesso. Il tema è stato il problema del bullismo che soprattutto in ambienti come la scuola è facile trovare. I progetti artistici sono stati istallati in vari punti del percorso. Partiti in corteo dalle rispettive sedi scolastiche, hanno fatto tappa alla piazza per poi recarsi al parco.

Un logo di uguaglianza

Gli studenti, insieme agli insegnanti hanno indossato per l’evento una maglietta blu, con un logo disegnato dai ragazzi. Un simbolo che unisce, tutti si sono vestiti con lo stesso abito, un simbolo di uguaglianza nato dalla creatività collettiva . Un lavoro che ha coinvolto tutte le discipline in maniera trasversale.

Palloncini blu per lanciare un messaggio

Durante la sosta al parco, diversi studenti hanno parlato del disagio, regalando ai presenti messaggi di buoni propositi e di aggregazione. Un no netto al bullying quindi per gli studenti, che dopo un percorso scolastico cominciato a settembre, si sono detti soddisfatti e felici di aver contribuito alla campagna di sensibilizzazione. Alla fine dei discorsi, decine di palloncini blu dai messaggi di fratellanza e amore sono stati fatti volare via.

Leggi anche:  Arrestato tunisino per spaccio a Palazzolo

Presenti alla manifestazione l’amministrazione comunale nella figura dell’assessore Alessandra Piantoni, le dirigenti scolastiche del 1°e 2° comprensivo, gli insegnanti delle scuole Fermi e M.I.King.

Nel prossimo numero del Chiariweek l’articolo completo