Il concorso è stato indetto dalla Libera Accademia di Belle Arti di Brescia in partnership con Olimpia Splendid. L’azienda bresciana che ormai da oltre 60 anni si distingue nella progettazione, produzione e commercializzazione di prodotti per climatizzazione, riscaldamento, e trattamento dell’Aria.

Il concorso

Riservato agli iscritti del I e II anno del Biennio specialistico del corso di Design Industriale della LABA, il concorso “Le nuove frontiere del trattamento aria” ha chiesto agli studenti di analizzare e sviluppare dei concept relativi a nuove soluzioni per il trattamento dell’aria all’interno delle abitazioni residenziali. Riservando particolare attenzione al comfort energetico dell’abitazione e al benessere/salute delle persone che ci abitano.

Le vincitrici

Sul gradino più alto del podio sono salite le studentesse Valentina Ortogni e Caterina Verdoliva. Classificate al primo posto grazie al progetto “Møbli system”, un sistema modulare ed integrato per il trattamento dell’aria all’interno di tutti gli ambienti della casa.

Il podio

Secondo premio ad Angelica Botti e Nicolò Passeri, per aver trasformato il tradizionale deumidifcatore in “Evimerìa”: un originale specchio multifunzione. Terzo posto per Gloria Anzoni,Gianluigi Dalè e Nevio Beschi, autori del progetto “Agari Sound”, un purificatore mobile dotato di sound system. Due menzioni speciali sono state riservate al progetto “Smoky” di Andrea Rovetta e Damiano Fontanabona (un purificatore d’aria aspira fumo) e al deumidificatore vaso “V-Jar” ideato da Andrea Colombo e Riccardo Tortelli.

Leggi anche:  Resca, Confimprese: “In Cina il retail è digital”

La tematica

 Scelta da Olimpia Splendid e LABA, è di pressante attualità, alla luce del problema dell’inquinamento atmosferico che interessa anche Brescia. Il concept si aggancia quindi alla crescente sensibilità del mercato verso le soluzioni per il trattamento dell’aria indoor e all’attenzione al tema dell’efficienza e risparmio energetico, che suggerisce di arieggiare gli ambienti domestici senza disperdere la temperatura interna. La partnership con la LABA è coerente con l’attenzione e il sostegno di Olimpia Splendid nei confronti delle nuove leve e dei talenti emergenti dell’industrial design italiano.

Il commento dell’azienda

“Abbiamo ritenuto importante offrire agli studenti della LABA l’opportunità di affiancare alla formazione teorica l’esercitazione pratica su temi a cui il mercato è sempre più sensibile – ha detto Marco Saccone di Olimpia Splendid – Questa collaborazione, inoltre, rappresenta per noi anche un modo per continuare a sostenere e investire nel nostro territorio. Consideriamo questo concorso un brain storming creativo, utile a raccogliere nuovi spunti per sviluppare sistemi e prodotti capaci di combinare massimo comfort domestico e cura del design com’è nella tradizione del marchio”.

TORNA ALLA HOMEPAGE