Il presidente Alessandro Azzi ha comunicato questa mattina all’assemblea ordinari dei soci, riuniti al Centro Fiera di Montichiari per approvare i dati di bilancio 2018, la decisione di lasciare la carica di presidente della BCC del Garda, rimanendo nel Consiglio di Amministrazione della banca.

Si chiude un’epoca lunga e gratificante

«Con la fine del mese lascerò la presidenza della banca» ha affermato  «dopo un lungo, lunghissimo percorso molto gratificante per me. Si chiude un’epoca del Credito Coperativo, essendo il 2019 l’anno di avvio dei gruppi bancari coperativi. Mi sembrava quindi giusto che il mio impegno al vertice della banca si chiudesse in occasione della partenza di una nuova fase che sono certo sarà altrettanto gratificante come la precedente. Ci tengo a ringraziare i soci, i collaboratori, tutti coloro che ci hanno seguito in questo percorso».

La decisione a monte del piano di evoluzione bancario

La decisione del Presidente Azzi conferma il piano di evoluzione nel governo della società, già annunciato da tempo e favorito dall’avvio del Gruppo Bancario Coperativo ICCREA.

Leggi anche:  Palio dei Novagli, una gara a tempo per Veleno il campione imbattuto

Alessandro Azzi, nato nel 1950 a Montichiari e presidente della BCC del Garda ininterrottamente dal 1985,  resterà nel Consiglio di Amministrazione dell’Istituto Bancario e presidente della Federazione Lombarda delle BCC