Tante novità in arrivo nei Musei della Battaglia a Solferino e San Martino della Battaglia

Solferino

158 anni fa nasceva l’Italia. Nell’anniversario dell’unità nazionale, lo scorso 17 marzo hanno riaperto a Solferino la Rocca ed il Museo. A Solferino la riapertura ha interessato la Spia d’Italia, una fortezza millenaria posta in posizione strategica al di sopra del colle, con la sua elegantissima Sala dei Sovrani ed il panorama stupendo, di cui si può godere dall’alto della sua terrazza. Anche il Museo, non lontano dall’Ossario, con i suoi preziosi cimeli: le armi da fuoco, le baionette, le uniformi, i due cannoni, i raffinati dipinti, sono di nuovo visitabili tutti i giorni, escluso il lunedì.

San Martino

Nel complesso monumentale di San Martino della Battaglia, dove si può ammirare il Risorgimento dipinto in stupefacenti affreschi e scoprire, conservate nelle teche del Museo: antiche divise, medaglie, documenti ed armi delle Guerre d’Indipendenza.

Si possono scoprire tutti i progetti didattici pensati per gli studenti, o curiosare tra le immagini della Rievocazione storica degli scorsi anni, in preparazione del 160° Anniversario della Battaglia, che verrà celebrato il 22, 23 e 24 giugno di quest’anno. Documenti, immagini, video ed audio guide, nonché i QR code associati al patrimonio museale alle cui informazioni si può accedere dalla App arricchiscono il viaggio on line e presto sarà in arrivo anche un’innovativa video installazione per entrare nel vivo della battaglia, in questi luoghi dove si fece l’Italia.

Leggi anche:  Il dono dell'Abio: cinque poltrone letto alla Pediatria di Manerbio

TORNA A HOME PAGE