In paese ci sono due archi di una villa e le vasche delle antiche terme che l’associazione L’Ago di Clusane progetta di recuperare.

Riscoperta delle origini

Quando si parla del borgo antico di Clusane tutti pensano alle sue origini medievali, al Castello del Carmagnola e prima ancora al priorato cluniacense. Ma Clusane ha origini ben più antiche e i resti della villa romana sul lungolago parlano da soli. O quasi.

I resti appartengono a una villa romana (una delle tante ritrovate sul Sebino) che risale al II secolo e l’idea dell’associazione L’Ago di Clusane è quella di valorizzare e riportare all’antico splendore le antiche fondamenta del paese, ovvero l’area dove sono presenti le vasche e gli archi romani sul lungolago.

Il servizio completo è sul Chiariweek in edicola dal 20 luglio.