Promozione del Sebino: la nuova sfida sarà anche ambientale. A un anno della creazione dell’associazione Visit Lake Iseo si è fatto il bilancio di quanto fatto e, con dati alla mano, il punto sulle stretegie future.

Promozione del Sebino: la nuova sfida sarà anche ambientale

Turismo in primo piano, ma con gli occhi puntati alla tutela dell’ambiente e al risanamento del lago d’Iseo come sfida per il futuro prossimo. Al centro del convegno di questo pomeriggio sl Porto Turistico di Lovere per fare il bilancio, a un anno dalla nascita, di Visit Lake Iseo, l’associazione di promozione turistica del lago d’Iseo costituita dai 16 Comuni del Sebino e dalle province di Brescia e Bergamo, vero e proprio braccio operativo del G16, ci sono stati diversi dati e numeri positivi, che spronano a continuare in maniera condivisa nella direzione presa con la creazione dell’ente Visit Lake Iseo e del brand Lago d’Iseo the romantic choice. Ma oltre all’importanza della condivisione e della collaborazione fra Comuni e territorio, pubblico e privato, dell’attrattività del territorio, delle esperienze fruibili dal turista o dal visitatore, della qualità dei servizi offerti e della web reputation del Sebino, la nuova sfida per il futuro prossimo si giocherà in campo ambientale.

Alcuni numeri…

Come hanno spiegato Riccardo Venchiarutti e Antonio Cadei, rispettivamente presidente e responsabile marketing e comunicazione di Visit Lake Iseo,  quello appena trascorso è stato un anno denso di attività, soprattutto sul web, ormai frontiera avanzata della promozione in campo turistico: il sito VisitlakeIseo.info ha fatto registrare 2 milioni e 200 mila pagine viste, mentre il profilo Instagram ha totalizzato qualcosa come 6 milioni di visualizzazioni, un milione in più dell’anno precedente, posizionandosi davanti a profili di regioni quali Marche, Friuli e Liguria.

Leggi anche:  Notte nazionale del liceo classico: a Salò vanno in scena Le Baccanti GALLERY

A livello di recensioni online e comportamenti digital, il Sebino ha totalizzato l’88,3% di soddisfazione degli ospiti, contro l’86,3% in Lombardia e l’87.6% in Italia. Nel 2018 si sono contati 936.500 presenze e 348.400 arrivi, in linea con i dati dell’anno precedente.

Quali prospettive per il futuro?

Per il futuro del lago d’Iseo e del turismo sul Sebino si è parlato di una visione strategica che, tramite il G16 (che raggruppa tutti i sindaci dei Comuni rivieraschi e alcuni contermini) e Visit Lake Iseo, continui verso una trada di progettazione condivisa e collaborazione, che coinvolga sia gli enti pubblici che i privati. Ma oggi il tema del turismo, come hanno sottolineato sia il presidente dell’ente che il sindaco di Lovere, Alex Pennacchio, non può più essere separato dal tema dell’ambiente. Solo attraverso una stretta collaborazione tra Comuni prima, con il coinvolgimento di Province, Regione e Ministero poi, si può pensare di creare un progetto per il risanamento delle acque del lago tale da essere finanziabile a livello europeo. Questa la sfida per il futuro del Lago d’Iseo.

TORNA ALLA HOME PAGE