“Interazione tecnologia-persona nel percorso riabilitativo, stato attuale e prospettive”, questo il titolo del convegno svoltosi all’interno dell’aula magna dell’Università degli Studi di Brescia lo scorso venerdì. La sezione Lombarda della SIMFER, Società italiana di Medicina Fisica e Riabilitazione, insieme a Fondazione don Carlo Gnocchi ONLUS, e l’ateneo bresciano, hanno organizzato una giornata formativa per mettere in evidenza un aspetto innovativo delle attività sanitarie di riabilitazione, la tecnologia e la robotica.

Il convegno ha avuto l’obiettivo di analizzare e discutere le evidenze scientifiche e le basi neurofisiologiche a supporto di tecnologia e robotica in riabilitazione e di affrontare le interazioni tecnologia-persona nel percorso riabilitativo. La Fondazione don Gnocchi in particolare ha contribuito con due interventi significativi.

Il primo della professoressa Maria Chiara Carrozza, direttore scientifico della Fondazione, e il secondo della professoressa Silvia Galeri. Il dottor Francesco Converti, direttore generale di Fondazione Don Gnocchi, ha aperto i lavori e moderato il primo modulo di speech.