“Il gruppo per me, forse mi vergogno un po’ a dirlo, ma è come una seconda famiglia perchè la cosa che ci accomuna è la musica. Sono contenta che la nostra scuola offra questa grandissima opportunità”. Sono queste alcune delle frasi che più colpiscono quando si intervistano i giovani ragazzi del “Falcone High School Choir and Band” dell’Istituto d’Istruzione Superiore Giovanni Falcone di Asola, diretto da Giordano Pachera.

Incetta di successi per la band del Falcone

“Tutto questo è possibile grazie anche ai nostri professori – continua la giovanissima studentessa Elisa Duretti – mi piace cantare in italiano dal momento che riesco a far emozionare chi mi ascolta, facendogli capire quello che provo”. In tutto sono circa una trentina, e se si contano lettori, cantanti e musicisti, probabilmente anche di più. Il gruppo è diventato molto conosciuto, apprezzato e ha ottenuto un enorme successo di pubblico e di critica. «Ogni anno creiamo uno spettacolo nuovo, con nuovi brani e nuove letture, tematiche differenti. All’incirca realizziamo 10-15 concerti all’anno – prosegue il giovane Alessandro Bellentani– L’atmosfera che c’è all’interno del coro è fantastica, siamo un grande gruppo e stiamo legando tantissimo. Io suono nel coro dalla prima superiore. Adesso frequento la quarta. Avevo deciso di entrarci perchè sapevo suonare la chitarra elettrica e mi sarebbe piaciuto provare a suonare con altri compagni e amici. Anche il legame con i professori è speciale perchè non è come in classe, quando facciamo gli spettacoli è come se fossero nostri amici con i quali ridiamo e scherziamo senza pensare ai voti scolastici».

Come’è formata la band?

La band è formata dai cantanti, divisi tra soprani e contralti, coro, un batterista, tre chitarre elettriche, una tromba, un basso, una tastierina, due flauti traversi, un violino e due chitarre acustiche più i lettori che introducono con alcune parole le canzoni cantate successivamente. “Ci troviamo una volta a settimana ma sicuramente buona parte del lavoro va fatta anche a casa provando la propria parte, soprattutto quando dobbiamo portare a termine un nuovo spettacolo – evidenzia la studentessa Elisa Tonini – Sicuramente mi piace stare sul palco e vedere che divertendoci possiamo passare comunque dei messaggi importanti e, tra gli altri, che anche a scuola non è necessario studiare e basta”. “Le prove del coro sono di solito il sabato nella biblioteca della scuola dopo aver finito le lezioni” puntualizza Benedetta che ricorda anche tutti i professori che aiutano nella realizzazione degli eventi: Cristina Agazzi, Emanuele Paoloni, Angela Prati, Saba Mainardi e Andrea Camaioni per la consulenza informatica. “I ragazzi del Falcone già da alcuni anni portano in tutto il territorio la loro musica e la loro passione e colorano con la loro energia vitale i momenti più importanti della vita della scuola e del territorio – ha raccontato la prof. Cristina Agazzi – Attraverso questo progetto si è creato un gruppo molto unito, accogliente, vivace e desideroso di collaborare e condividere, in cui ognuno si sente valorizzato come persona unica e speciale”.