«Il Quartetto d’archi da Mozart ai giorni nostri» è il titolo del concerto in programma venerdì 2 agosto alle 21.15 nel Chiostro di San Francesco a Gargnano.

In scena il quartetto Infonote

Proposto dal Quartetto Infonote – Serafino Tedesi (I violino), Paolo Costanzo (II violino), Emilio Eria (viola) e Marco Righi (violoncello) – il concerto spazierà dal primo quartetto composto da W. A. Mozart a composizioni originali di autori contemporanei.

Il Quartetto Infonote è formato dalle prime parti dell’Orchestra Infonote e dell’Orchestra Ritmico Sinfonica Italiana. Il loro percorso musicale attraversa oltre tre secoli di musica e spazia dal tardo ‘700 fino ai giorni nostri. I componenti vantano parecchie importanti collaborazioni sia in repertori di musica classica che in quella «leggera» permettendo loro di destreggiarsi bene in generi differenti.

Prima del concerto, alle ore 20.15, è prevista la visita guidata al Chiostro a cura dell’Associazione culturale La Melagrana, mentre al termine della serata sarà offerta una degustazione vini a cura di Azienda agricola Cobue di Pozzolengo (Bs).

 

Programma

W. A. Mozart (Quartetto k 80 «Lodi») Adagio – Allegro Minuetto – Rondeau

 

L. V. Beethoven (Quartetto op. 18 n 4) Allegro ma non tanto

 

F. Mendelssohn (Quartetto op. 44 n. 1) Adagio non troppo Allegro non tardante

 

A. Webern (Langsamer satz)

Leggi anche:  Festival Suoni e Sapori del Garda a Rivoltella

Festival Suoni e Sapori del Garda

Il Festival propone un circuito di spettacoli ad ingresso libero inseriti in un unico cartellone, con il diretto coinvolgimento dei Comuni afferenti all’intero bacino lacustre e al suo immediato entroterra. Il maestro Serafino Tedesi, coadiuvato dalla sua associazione culturale Infonote presieduta da Gloria Pedrazzini, ne ha assunto la piena direzione artistica, con l’intento di riuscire a coinvolgere sempre più comuni, anche delle province limitrofe.

Quest’anno, ai comuni di Calvagese della Riviera, Gardone Riviera, Gargnano, Gavardo, Lonato del Garda, Moniga del Garda, Puegnago del Garda, Salò, San Felice del Benaco, Tignale e Toscolano Maderno, si aggiungono i comuni di Castelnuovo del Garda, Desenzano del Garda e Torri del Benaco.

Anche per il 2019 l’obiettivo è quello di coniugare musica, cultura e sapori attraverso le visite guidate ad alcuni luoghi del festival, con l’associazione culturale La Melagrana, e le degustazioni di vino e olio offerti dai soci delle associazioni Strada dei Vini e dei Sapori del Garda e Consorzio Olio Garda dop.

Grazie alla collaborazione con il Consorzio Lago di Garda Lombardia il Festival si propone di contribuire alla valorizzazione delle località che ospiteranno i luoghi dei concerti in una sorta di percorso ideale attorno al lago. La Comunità del Garda sovrintende al coordinamento istituzionale e amministrativo.

TORNA ALLA HOMEPAGE