Si chiama Alessandro Bellière, compirà 85 anni a ottobre e ha deciso di fare il Giro d’Italia a piedi.

Alessandro Bellière

giro d'italia a piediAlessandro Bellière nasce a Parma il 24 ottobre 1933, bolognese da 60 anni, ora residente a Molinella (BO). Svolge il servizio militare a Bressanone, nel primo plotone al mondo formato da alpini-paracadutisti. La grande passione per lo sport lo porta negli anni ’50 a diventare un atleta nazionale di atletica leggera, disciplina fondo, e successivamente marcia, partecipando a varie gare nazionali ed internazionali. Nel giorno del compimento dei suoi 65 anni effettua alcuni lanci col paracadute presso l’aeroporto di Molinella (BO). Non pago per aver visitato dagli anni ’60 in avanti i mari più belli ed incontaminati di tutto il mondo, inizia ad avvicinarsi al trekking per decidere, all’età di 78 anni, di percorrere a piedi il percorso da Bologna a Roma, attraverso gli Appennini. All’avvicinarsi degli ottant’anni decide di esplorare i propri limiti, conscio dell’ottima salute e dell’allenamento quotidiano che la passione per il trekking gli porta. E decide di percorrere a piedi l’intera Italia, da nord a sud.

Giro d’Italia a piedi

Non è la prima volta che Bellière si cimenta in un’impresa di questo tipo:

  • Nel 2013, per festeggiare gli ottant’anni, percorre a piedi quasi 1.700 km, suddivisi in 42 tappe, partendo dal comune italiano più a nord, Predoi (BZ), per arrivare nel giorno del suo compleanno, il 24 ottobre, ad Ispica (RG), uno dei comuni più a sud dell’Italia.
  • Nel 2014 percorre a piedi quasi 4.600 km, suddivisi in 137 tappe, cercando di visitare quasi tutta la costa italiana. Partenza da Ventimiglia (IM) e arrivo, sempre nel giorno del suo compleanno, a Trieste.
  • Nel 2015 percorre a piedi quasi 2.100 km, per un totale di 66 tappe, camminando per lo più lungo la catena appenninica italiana, partendo da Chiavenna (SO) e arrivando il giorno del suo compleanno a Trapani.
  • Nel 2016 la pensa grossa, e partendo il primo di aprile da Aosta, dopo 6.127 km, 7 mesi di cammino e 4 paia di scarpe, arriva il 24 ottobre a Palermo, bruciando 207 tappe sparse per tutto lo stivale.
  • Nel 2017 si riposa, effettuando solo una “24 ore non stop”, nel giorno del suo compleanno, percorrendo a piedi circa 122 km nelle campagne di Molinella (BO).
Leggi anche:  I campionati nazionali di ciclismo Csi arrivano in Franciacorta

La sfida di quest’anno

Nel 2018, anno del compimento degli 85 anni, decide di concludere la sua avventura podistica percorrendo in 5 mesi circa 4.250 km, partendo il 28 maggio da Genova, per arrivare a Palermo il 24 ottobre 2018, giorno del suo 85esimo compleanno. Oggi il podista è partito da Gorgonzola (MI) per arrivare a Caravaggio, dove si fermerà per la notte. Domani dalla città del santuario partirà diretto a Calcio, da dove poi proseguirà verso il bresciano.

Le tappe bresciane

Domenica partirà da Calcio e arriverà a Brescia, lunedì la partenza è in città e l’arrivo è fissato a Manerba del Garda, mentre martedì Bellière arriverà a Tignale.

Volere è potere

Con il cammino di questa mia ultimissima sfida intendo unire in un virtuale abbraccio lungo 4.245 Km per 146 tappe tutte le 20 province capoluogo di Regione. Quando avrò terminato questa 5° sfida, avrò percorso sul territorio italiano oltre 20.000 Km in 601 tappe. Desidero incontrare, come ho già fatto nelle altre sfide, scolaresche, giovani, anziani e diversamente abili, nello spirito di amicizia che la sana attività sportiva promuove e naturalmente sempre all’insegna del mio motto: “Volere è Potere”