Giovani e libri a Manerbio per ricordare Cristina Battagliola: la professoressa dello Zammarchi era scomparsa due anni fa.

Giovani e libri per ricordare la Battagliola

E’ un’eredità salda, indistruttibile quella lasciata da Cristina Battagliola, professoressa della scuola media Zammarchi scomparsa nel gennaio del 2017. Il suo spirito e i suoi ideali, infatti, vivono nelle azioni di chi da allora si è messo in gioco per promuovere il valore della lettura tra i ragazzi, obiettivo caro alla compianta insegnante. Approdata all’istituto comprensivo nel 2005, la Battagliola era conosciuta per la sua capacità di «coinvolgere i ragazzi in modo trasversale e insolito». Il lascito più importante si è concretizzato nel progetto di promozione della lettura «Crescere ancora lettori, pensare biblioteche», attività di cui la professoressa si era fatta capofila, organizzato a novembre e dicembre (e partito già nel 2017) dalla biblioteca in collaborazione con le scuole del territorio.

L’articolo completo sul Manerbioweek in edicola da venerdì 11 gennaio

TORNA ALLA HOME PAGE