Si è tenuta questa mattina la conferenza stampa per presentare interessanti iniziative culturali per la comunità

Flero e la stagione delle arti visive

Flero sta diventando un punto di riferimento per le persone appassionate di cultura, in  particolare modo per le arti visive.

A presentare le fiorenti attività proposte sia dal club fotografico Fotoclick che dal Comune di Flero, sono stati l’assessore Elena Franceschini, il sindaco Pietro Alberti, e il presidente dell’associazione Culturale ad interesse fotografico Felice Bianchetti.

La stagione del Fotoclick

Non solo lezioni ma anche mostre e serate di approfondimento ad ampio spettro con l’introduzione anche di apporti di professionisti per analizzare la psicologia della fotografia. Ad aprire le attività la mostra delle “istantanee” di Ezio Mereghetti e dei “colori in movimento” di Gianantonio Bortolotti, il prossimo 5 ottobre (inaugurazione alle 17.30 presso palazzo Loda in via Umberto I), visitabile fino al 12 ottobre.

Un altro importante appuntamento espositivo è quello dedicato ad un amico Gerardo Losi, scomparso nei mesi scorsi, dal titolo “Uno scatto gentile”, ispirato alla gentilezza d’animo e nell’arte dello storico socio del Fotoclick che sarà allestita sempre nella sede di palazzo Loda sabato 23 novembre (inaugurazione alle 17.30) visitabile sino al 30. Non mancherà la mostra degli allievi della fotografa professionista bresciana Carla Cinelli il 7 dicembre.

Leggi anche:  Flero in musica con il Festival Bandistico

Molti anche gli ospiti che contamineranno culturalmente e tecnicamente gli appassionati di scatti e di momenti irripetibili, tra questi Filippo Maria Leonardi, fotografo professionista di fama internazionale.

Immancabili i “giovedì essenziali” che tratteranno dalla materia alla luce, della letteratura e della musica, e inerenti gli immaginari sul significato dei sogni e delle fiabe e l’Odissea, a cura dello psicologo Alessandro Zucchelli.

La mostra pittorica in ricordo di Dino Decca

Un’esposizione dedicata ad un artista scomparso venti anni fa, Dino Decca. Dino è stato per Flero e per la sua comunità era come un figlio. Nonostante non sia più fisicamente presente il pittore è ancora vivacemente nella mente, nella cultura, nella vita dei fleresi.

Sono state raccolte le sue opere migliori e domenica 27 ottobre saranno presentate al pubblico. Alle 17 un momento molto toccante: in via Bulgherini, nel parco, si terrà l’intitolazione del parco stesso a Dino Decca e in esso sarà posto un bassorilievo a perenne ricordo. A seguire, alle 18 circa, inaugurazione presso palazzo Loda della mostra, che resterà visitabile sino al 10 novembre.

Torna alla HOME PAGE