Chiara Montani, autrice de «Le apparenze dell’invisibile», presenterà il suo lavoro editoriale giovedì 24 ottobre alle 20.30 nei locali della biblioteca di Salò, Salo’tto della Cultura (via Leonesio 4).

L’autrice dialogherà con Cinzia Pasini, bibliotecaria del Centro Studi sul periodo della Repubblica Sociale Italiana di Salò, storica dell’arte e guida abilitata. L’ingresso è libero

Chiara Montani unisce coraggio e sentimenti in una trama dal ritmo serrato

Lago di Garda, estate 1942. Un misterioso quadro coperto di nero, sepolto da secoli sotto un camino, viene riportato alla luce. Una giovane restauratrice di nome Aida, rimossa la patina scura, si ritrova fra le mani una scena di sconcertante violenza, ma tanto potente e geniale da suggerirle l’ipotesi che possa essere ricondotta alla mano di un grandissimo artista.
Da qui prende le mosse la vicenda, che si dipana dapprima in una Venezia ingrigita e cupa, ma ancora ispiratrice di profonde suggestioni artistiche, e poi sulle sponde del Lago di Garda, divenuto nel frattempo il quartier generale della Repubblica Sociale.
Nel drammatico scenario dell’Italia occupata, dove la difesa dell’arte dalle distruzioni e dai furti nazisti diventa una delle molte facce della Resistenza, il percorso di Aida si snoda in uno stretto intreccio tra fantasia e realtà. Passioni, misteri, brucianti perdite, tradimenti e imprese disperate si susseguono in un crescendo di colpi di scena, combinandosi poco a poco come le tessere di un mosaico a disegnare una verità drammatica e imprevedibile, in cui nessuno è veramente ciò che sembra.

Leggi anche:  Bibliobenessere...la biblioteca si trasferisce al centro benessere

Finalista al Premio Argentario 2018, Le apparenze dell’invisibile è un grande affresco d’epoca da leggere tutto d’un fiato.

TORNA ALLA HOMEPAGE