È stata una kermesse partecipata di arte, cultura, convegni, giochi e spettacoli l’11sima edizione della festa del Ringraziamento di Borgo San Giacomo.

La festa

È stata giovedì la giornata di apertura dove a dare il via ai festeggiamenti sono stati i panificatori del territorio Fabrizio Fossati, Andrea Pinelli, Francesco Mensi da Pievedizio, il professore nutrizionista Piergiorgio Pietta e l’Assessore regionale dell’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi. Durante il convegno “Dal frumento alla tavola: il nostro Pane” si è parlato dei segreti della lungimiranza delle panetterie locali, da sempre luoghi di incontro che conservano la memoria storica di una comunità; dell’importanza della tradizione con uno sguardo all’innovazione continua; di salute; si sono sfatati i falsi miti legati al piatto principe della nostra tavola “il pane” e riflettuto sulla legge, sull’importanza della distinzione del pane fresco e non, dell’educazione alimentare e della filiera.

È stata una quattro giorni di successo, quella organizzata dall’associazione Il Train(n)o grazie anche al lavoro in sinergia con le realtà coinvolte, perché uno dei leitmotiv è proprio la valorizzazione delle associazioni del territorio. Spettacoli, momenti conviviali e di divertimento si sono susseguiti per far sentire vivi oggi più che mai, l ‘amore per la propria terra, le proprie origini, le cose vere, sane con la sapienza, l’ umiltà e la passione che contraddistinguono il mondo agricolo.

Leggi anche:  Torna il presepe in Casa di Riposo a Verolanuova

La sfilata

Il momento clou è stato domenica, dove quaranta mezzi agricoli si sono radunati in Piazza San Giacomo, per poi sfilare per le vie principali del paese, accompagnati dalla Banda Santa Cecilia. Al rientro ad accoglierli don Renato Baldussi per il solenne rito della benedizione. Non una semplice festa quella di Borgo San Giacomo, ma un vero e proprio inno alla vita che è proseguito con il pranzo sociale, il mercato dove è stato possibile saggiare prodotti genuini del made in brescia e assistere al folkloristico palo della cuccagna.

TORNA ALLA HOME