Sfigurato dall’acido lanciato dall’ex: ora il Tribunale gli chiede pure 50mila euro. William Pezzulo ha lanciato un appello disperato dal momento che non ha ricevuto alcun risarcimento.

L’appello disperato

Non ha ancora ricevuto il risarcimento, ha venduto il suo bar e fatto quanto possibile, ma ora ha bisogno d’aiuto e ha lanciato un appello disperato. William Pezzulo, travagliatese che nel 2012 è stato sfigurato con l’acido dalla sua ex, Elena Perotti, ha chiesto aiuto agli amici di Facebook. Il ragazzo ha ricevuto ieri, giovedì, una ingiunzione di pagamento dal tribunale di Brescia in quanto è stato condannato a pagare le spese dell’avvocato che l’ha difeso nella parte civile del processo. Ammonta a circa 49mila euro  la somma che dovrà versare entro 10 giorni, che sono appunto partiti ieri. Pezzulo ha speso tutti i soldi nelle cure  e non ha mai ricevuto il milione e passa di euro di risarcimento dovutogli dalla Perotti. In un gesto disperato si è appellato alla rete.

Leggi anche:  Pontevico: successo per lo spiedo del 25 aprile

La storia

E’ una triste storia, ma lui non si è mai arreso. Il 33enne di Travagliato è rimasto invalido e sfigurato dopo un attacco con l’acido nel 2012 pianificato dalla ex fidanzata, Elena Perotti. Pezzulo, da anni si batte per avere giustizia, ma le spese da sostenere sono sempre state tante. Soprattutto, ingenti, sono stati i costi delle cure e delle operazioni alle quali si è dovuto sottoporre. La Perotti ha invece dovuto rispondere alla Giustizia per lesioni gravissime e stalking.

TORNA ALLA HOMEPAGE