Nella serata di lunedì 21 gennaio la Polizia Locale di Brescia ha arrestato un uomo di 24 anni di origine senegalese per violenze nei confronti di una prostituta nigeriana minorenne.

L’intervento

Attorno alle 21 una pattuglia in abiti civili, mentre stava controllando la zona di via Vallecamonica, ha notato che un ventiquattrenne stava spintonando e malmenando una ragazza di 17 anni di origine nigeriana alla quale aveva anche strappato la tasca del piumino che aveva addosso.

L’uomo si è poi allontanato verso via Cucca, seguito a breve distanza dalla giovane che piangeva e chiedeva aiuto. Gli agenti sono quindi intervenuti soccorrendo la ragazza e bloccando il senegalese, addosso al quale è stato trovato il cellulare che il giovane aveva appena sottratto alla diciassettenne.

La ricostruzione

La ragazza ha poi rivelato agli uomini della Polizia Locale che il ventiquattrenne l’aveva pagata per una prestazione sessuale ma che, a causa delle violenze di quest’ultimo, lei gli aveva chiesto di interrompere il rapporto.

Leggi anche:  Esce di casa per recarsi a fare l’aperitivo: arrestato per evasione

Il senegalese aveva cercato di costringerla con la forza ma lei era riuscita a divincolarsi. Il ventiquattrenne l’aveva quindi raggiunta e presa a pugni, colpendola alla spalla e al costato, chiedendo la restituzione del denaro. La giovane, che ha poi sporto denuncia nei confronti dell’uomo, è stata accompagnata all’Ospedale Civile di Brescia dove le sono state diagnosticate contusioni alla spalla sinistra, all’emicostato sinistro e a un dito della mano destra, con una prognosi di 15 giorni. Il ventiquattrenne è stato arrestato e portato al Comando di via Donegani.

TORNA ALLA HOMEPAGE