I Carabinieri della hanno arrestato un 21enne di Manerbio per resistenza e violenza a pubblico ufficiale: aveva chiamato i militari minacciando di picchiare la fidanzata in caso non fossero intervenuti.

La chiamata

“Venite subito o picchio la mia ragazza”: la telefonata ricevuta nei giorni scorsi dai carabinieri di Manerbio. Dall’altra parte della cornetta un giovane di 21 anni, residente in città, che ha contattato la locale caserma minacciando, nel caso non fossero intervenuti, di picchiare la fidanzata con la quale stava litigando proprio in quel momento. Giunti all’abitazione del manerbiese lo hanno trovato da solo ed in evidente stato di agitazione: nel verificare la presenza della sua ragazza, invece della donna i Carabinieri hanno rinvenuto diverse quantità di hashish e marijuana, nonché materiale necessario al confezionamento.

L’arresto

Alle richieste di spiegazione il 21enne è uscito di senno e si è scagliato contro i militari: questi ultimo lo hanno immediatamente bloccato e accompagnato in caserma dove, al termine degli accertamenti del caso, è stato tratto in arresto. Sottoposto a rito direttissimo il Giudice mercoledì ha convalidato l’arresto e disposto la liberazione in attesa del processo.

Leggi anche:  Traffico internazionale di droga, 15 arresti nella Bassa VIDEO FOTO

TORNA ALLA HOME PAGE