I Carabinieri di Nave, hanno arrestato un trentaquattrenne di Nave, ritenuto responsabile di aver tentato di strangolare lo scorso gennaio una donna con la quale si frequentava

Cerca di strangolare la compagna in auto

I fatti nello specifico risalgono ad inizio di quest’anno. Una sera di fine gennaio, infatti l’uomo, a termine di una serata trascorsa con la donna tra bar e locali notturni, iniziò a pronunciare frasi sconnesse e minacce nei confronti della ragazza, che man mano aumentarono sempre di più di intensità e pericolosità. Nella strada di ritorno verso casa, in auto, l’uomo la afferrò per il collo cercando di strangolare la donna e di porre fine alla sua vita. Fortunatamente la ragazza era riuscita a resistere, divincolandosi, e sfuggendo alle mani del suo aguzzino ed a scappare via.

La denuncia con un post su facebook

La donna in stato confusionale e sotto choc, raggiunse la propria abitazione grazie all’aiuto di un passante, il quale però non riuscì a convincerla a recarsi in ospedale. Una volta a casa, in stato emotivo provato e fisicamente dolorante, la donna sulla propria pagina Facebook aveva scritto un post su quanto successo durante la notte, senza precisare il responsabile della violenza. Questo post è stato poi letto nei giorni seguenti da un suo conoscente, il quale ha avvertito i Carabinieri della Stazione di Nave, facendo così partire le indagini della Procura di Brescia.

Leggi anche:  I carabinieri fanno "incetta" di patenti

L’arresto

I risultati e gli elementi raccolti in questi mesi hanno permesso di emettere un’ordinanza di custodia cautelare dell’uomo ritenuto responsabile del tentato omicidio della donna, facendo così scattare la manette ed aprire per lui le porte del carcere.

TORNA ALLA HOMEPAGE