Truffa e associazione a delinquere, le vittime sono del lago di Garda.

Phishing, boxing e truffa

Tra i tipi di reati che portano alla truffa ci sono il Phishing, che consiste nel furto dei dati personali tramite forum e pagine web fasulli e il boxing che è il furto della posta per poter estrapolare le informazioni redditizie per i mal intenzionati. A parlare di questo sono stati questa mattina al Comando Provinciale di Verona in via Salvo D’Acquisto il comandante della Compagnia di Peschiera del Garda Francesco Milardi, il vicecomandante Davide Corrada e il comandante della stazione di Lazise Gianluca Battaglia che sono riusciti a fermare attività illecite nell’est Europa e nel meridione che si sono ripercosse sul lago di Garda.

Peschiera del Garda e Lazise protagoniste

Le vittime dei racconti dei militari dell’arma sono lacustri, precisamente di Peschiera del Garda e di Lazise. Dal furto dei dati delle carte di credito per acquisti di valore, come un lingotto d’oro, a quello dei biglietti del treno e degli aerei rivenduti poi a metà prezzo, fino all’acquisto di oggetti marchiati, su siti identici (o quasi agli originali) che poi non arrivano all’acquirente.

Leggi anche:  Cartiera del Chiese, ATS Brescia annulla l'ordinanza di sanificazione per legionella

Modus operandi

Spesso l’acquirente viene ingannato da pubblicità che promettono articoli di valore a bassissimo costo oppure, nel caso del phishing, ricevono e-mail e sms dove viene richiesto di fornire determinati dettagli sensibili che diano accesso al patrimonio personale. La rete è al centro dell’occhio del ciclone, le truffe dell’era del digitale sono più veloci e stanno aumentando a dismisura.

Denunce

Sono decine le persone denunciate nelle varie operazioni per truffa e associazione a delinquere finalizzata alla truffa.

Il consiglio

Milardi ha invitato tutti a controllare i dati che vengono trasmessi, di verificare l’attendibilità del proprio interlocutore e di mettere in moto tutte quelle azioni di tutela non solo per la fascia di quelli che si credono a rischio, i senior, ma di tutti. Soprattutto di chi acquista e scambia beni e valori in rete. Le informazioni utili a scongiurare le truffe si possono trovare sul vademecum dei carabinieri cliccando qui.

 

L’articolo con tutti i dettagli lo trovi venerdì 9 marzo in edicola su Gardaweek!