Sono tre le persone rinviate a giudizio per la morte di Mauro Firmo, il commissario di gara che ha perso la vita durante le prove di un rally in Valcamonica.

La vicenda

Firmo, 57 anni, era di Carpenedolo e stava facendo il commissario di gara durante le prove del rally Malegno-Borno lo scorso luglio. Si trovava a Ossimo quando è stato travolto da un’auto.

Rinvio a giudizio

La Procura di Brescia ha rinviato  a giudizio tre persone con l’accusa di omicidio colposo:  il direttore di gara Francesco Tartamella, il delegato per l’allestimento del percorso Francesco Bellingeri e Sergio Sensi, ispettore alla sicurezza.

Secondo l’accusa Firmo e un collega erano stati posizionati in una posizione di controllo subito dopo una curva e sulla traiettoria delle auto.