Centri massaggi per coprire un’attività di prostituzione, due strutture nel bresciano, a quartiere Don Bosco e zona “Ring”

Massaggi a luci rosse

Quelli che in apparenza sembravano normali “centri massaggi” e di “estetica”, in realtà, offrivano sistematicamente prestazioni sessuali a pagamento. Con lo sfruttamento di ragazze di etnia cinese. I titolari sono stati quindi denunciati all’Autorità Giudiziaria, per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

L’intervento

L’operazione, scaturita dal monitoraggio del controllo economico del territorio, condotto dai militari della Compagnia di Brescia, ha portato all’identificazione di due locali sospetti. Durante le perquisizioni i Finanzieri hanno sequestrato, tra gli altri, anche denaro contante e documentazione utile per gli approfondimenti sia di carattere fiscale, che in materia di lavoro nero. Ciò consentirà di ricostruire l’intero giro d’affari illecito, che le attività sequestrate hanno sviluppato dalla loro nascita economica.

TORNA ALLA HOMEPAGE