Sicurezza stradale: dalla Regione 1.400.000 euro per 12 progetti. L’assessore De Corato ha annunciato l’investimento e il sostegno a Comuni e Province.

Sicurezza stradale: fondi dalla Regione

Sono 73 le proposte progettuali che Regione Lombardia cofinanzierà per la realizzazione di interventi finalizzati alla riduzione dell’incidentalità stradale. Il decreto, con gli importi di cofinanziamento regionale per Comuni, Unioni di Comuni e Province, è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione. L’importo totale dei 73 progetti ammonta a circa 25 milioni di euro, di cui quasi 10 a carico di Regione Lombardia, il resto a carico degli Enti beneficiari.

La tipologia degli interventi

Il bando della Regione a cui hanno riposto gli Enti prevedeva la realizzazione di opere infrastrutturali come la realizzazione o il miglioramento di rotatorie, attraversamenti pedonali e ciclabili, segnaletica anche luminosa, piste e percorsi ciclo pedonali, oltre all’installazione di nuovi semafori e di barriere di sicurezza. Nel bando era prevista inoltre la realizzazione di nuovi impianti di illuminazione. Alcune tipologie progettuali hanno previsto la realizzazione di lavori di sistemazione e messa in sicurezza della sede stradale, banchine di fermata di bus, isole salvagente, arredo urbano specifico per la moderazione del traffico.

L’intervento di De Corato

“La riduzione dell’incidentalità – ha dichiarato l’assessore regionale alla Sicurezza Riccardo De Corato – E’ un nostro obiettivo importante, che perseguiamo anche attraverso la riqualificazione e il miglioramento delle strade lombarde.  Siamo vicini ai Comuni e alle Province attraverso forme di sostegno concreto. Questo bando si aggiunge ai tanti altri progetti di finanziamento che abbiamo destinato agli Enti territoriali”.

Leggi anche:  Auto si schianta e prende fuoco: paura a Palazzolo

La Provincia di Brescia

Sono 12 gli Enti della provincia di Brescia ammessi a cofinanziamento regionale, per un totale di 3.571.242 euro di cui 1.371.583 dalla Regione Lombardia:

– Comune di Brescia: 510.000 euro, di cui 200.000 dalla Regione Lombardia;
– Comune di Castenedolo: 290.370 euro, di cui 100.000 dalla Regione;
– Comune di Gottolengo: 220.000 euro, di cui 100.000 dalla Regione;
– Comune di Mazzano: 231.717 euro, di cui 100.000 dalla Regione;
– Comune di Montichiari: 279.072 euro, di cui 100.000 dalla Regione;
– Comune di Palazzolo sull’Oglio:  220.000 euro, di cui 99.000 dalla Regione;
– Comune di Pisogne: 291.000 euro, di cui 100.000 dalla Regione;
– Comune di San Zeno naviglio: 146.060 euro, di cui 72.583 dalla Regione;
– Comune di Tavernole sul Mella: 522.000 euro, di cui 200.000 dalla Regione;
– Comune di Toscolano Maderno: 324.650 euro, di cui 100.000 dalla Regione;
– Unione degli antichi borghi di Vallecamonica: 274.899 euro, di cui 100.000 dalla Regione;
– Comune di Verolavecchia: 261.472 euro, di cui 100.000 dalla Regione.

TORNA ALLA HOME