I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Breno hanno tratto in arresto un 24enne, in palestra, per evasione degli arresti domiciliari

Uscito per andare in palestra

Il giovane, nato in Marocco ma cittadino italiano, stava scontando in regime di detenzione domiciliare, una condanna definitiva per reati connessi allo spaccio di sostanze stupefacenti. L’Ufficio di Sorveglianza di Brescia lo aveva autorizzato a fruire di due ore di permesso al giorno, che gli consentivano di muoversi libero con l’unica limitazione di non allontanarsi dal comune ove stava espiando la pena. I militari, deputati al controllo, però lo hanno bloccato all’interno di una palestra a Breno mentre si allenava. Ai Carabinieri non risultava che il giovane fosse stato autorizzato a praticare sport in quella palestra e per questo motivo lo hanno tratto in arresto per evasione.

La motivazione

L’arrestato ha riferito al Giudice di avere bisogno di eseguire particolari esercizi di fisioterapia in palestra, affermando di soffrire di problemi alla schiena. La sua versione non è bastata però per convincere gli inquirenti, e nemmeno il Giudice. Il quale lo ha condannato a otto mesi di reclusione.

Leggi anche:  Controlli a tappeto nel basso Garda: un denuciato per truffa e via tre patenti

TORNA ALLA HOMEPAGE