Alle 7.30 di questa mattina, 17 gennaio, è iniziato un tentativo di sfratto a Cologne, dove una famiglia si è barricata in casa per non lasciare l’abitazione. Lo sfratto è stato poi rimandato al 14 marzo.

Sotto il condominio della famiglia in via Mazzotti, residente a Cologne da anni, è stato organizzato un presidio dall’associaizone Diritti per tutti, che tutela il diritto all’abitazione.

Sfratto

La famiglia di origini nordafricane, composta da 3 adulti e un minorenne, aveva acquistato casa con un mutuo, ma nel 2012 aveva smesso di pagare le rate del prestito. La banca quindi ha prignorato la proprietà, che è stata venduta all’asta a una colognese. Dal luglio 2017 la famiglia dovrebbe lasciare l’abitazione, ma tra proproghe e rinvii si è arrivati a oggi.

Le possibili soluzioni

Negli scorsi mesi è già stato organizzato un tavolo in Prefettura al quale hanno partecipato anche l’associazione Diritti per tutti e i Servizi sociali del Comune di Cologne. “Ci siamo proposti di pagare le spese per una settimana in albergo e l’anticipo cauzionale per un appartamento in affitto – ha spiegato l’assessore ai Servizi sociali, Caterina Fortunato – Ma hanno rifiutato”. Dopo il presidio di questa mattina e l’arrivo dell’ufficiale giudiziario è stata concessa una proroga fino al 14 marzo.

Leggi anche:  Sindaco di Passirano riconfermato alla guida di Terre della Franciacorta

TORNA ALLA HOME PAGE