Sul basamento della Santella della Madonna presente sulla strada che collega Iseo a Provaglio e affaccia sulla riserva naturale delle Torbiere è comparsa una scritta contro Salvini. “Ave Maria proteggimi da Salvini”.

La “preghiera” contro Salvini

La scoperta è stata fatta nelle ultime ore e di certo è stata una brutta sorpresa, a prescindere da considerazioni di natura politica. Una mano ignota ha deturpato il basamento della Santella della Madonna con una scritta contro l’ex Ministro dell’Interno e leader della Lega Matteo Salvini. Curioso il fatto che uno degli aspetti più criticati al Capitano (l’utilizzo di simboli religiosi in campagna elettorale e durante la sua azione di governo), poi venga utilizzato dai suoi stessi detrattori. A prescindere da valutazioni politiche, in paese è scaturita una indignazione per il gesto proprio per il mancato rispetto a uno dei simboli della devozione mariana.

La reazione della sezione della Lega di Provaglio

Poche, ma durissime parole espresse dai militanti leghisti cittadini. “Tra Iseo e Provaglio in prossimità delle Torbiere, alcune “brave persone” hanno pensato bene di infangare la Santella con queste scritte! Questi delinquenti si commentano da soli, poveri dementi!”.

Leggi anche:  Giornata del ringraziamento e della riconoscenza a Provaglio d'Iseo

La dichiarazione del segretario territoriale della Lega Cristian Quetti

Questa la dichiarazione del segretario territoriale della Lega del Sebino Bresciano nonché vice sindaco di Iseo Cristian Quetti:

“Nella mia vita, sin da quando militavo nei giovani padani di cui Matteo Salvini ne era il Leader, nonché il fondatore, ho realizzato molte scritte “in notturna” dal Garda a Ponte di Legno ma il rispetto e l’educazione nello scrivere caratterizzava il DNA di quella medesima Lega oggi tanto odiata e contro cui tutto, per qualche idiota, pare essere giustificabile. L’ignoranza, la maleducazione, la totale assenza di senso civico non ha purtroppo confini, ideologie, sesso o colore politico. Come Lega cosa intendo fare?
In settimana, se nessuno avrà provveduto a sistemare la Madonnina, mi farò personalmente carico del ripristino perché il senso civico deve prevalere sempre e comunque, tanto da chi ne compie il gesto quanto da chi ne subisce l’attacco”.

TORNA ALLA HOME PAGE