Il Codacons interviene a seguito della protesta di questa mattina da parte degli studenti dell’Istituto Cesare Battisti di Salò:

«La competenza è della Provincia di Brescia. Spetterebbe a lei commissionare le manutenzioni e le migliorie del caso alla struttura. Non è possibile al giorno d’oggi privare i ragazzi delle condizioni minime tali per esercitare l’istruzione. É una mancanza costituzionale. Chi ha mancato deve pagare». Per quanto descritto, l’Associazione fa esposto alla Procura della Reubblica per omissione di atti d’ufficio.

Il problema riguarda il riscaldamento ma non solo

Lo sciopero a seguito di alcune problematiche esposte dagli studenti, in particolare la manutenzione dell’edificio e la gestione dei servizi igienici oltre naturalmente all’annoso problema del riscaldamento. L’obiettivo, dare un segnale alla Provincia che è l’ente proprietario e gestore del plesso scolastico. Da parte degli studenti la volontà di evidenziare un problema che si ripresenta, puntuale, ogni anno e che coinvolge non solo l’Istituto in questione ma, più in generale, le scuole della zona.

Leggi anche:  IKEA arreda la Casa della Fraternità - Croce Rossa Italiana di Salò

TORNA ALLA HOMEPAGE