Scambio di valigie in aeroporto: dentro trova settanta uccelli rari. Purtroppo solo nove si sono salvati: la Polizia ha fatto così venire alla luce un traffico illecito di volatili.

Scambio di valigie fa emergere un traffico di uccelli

A occuparsi del caso è stato il Commissariato di Polizia di Sesto San Giovanni. Tutto è nato quando un cittadino brasiliano si è presentato negli uffici di via Fiume. Ha detto agli agenti di essere arrivato in albergo, di aver aperto il bagaglio e di averci trovato dentro non i suoi effetti personali. Bensì una settantina di piccoli uccelli passeriformi, contenuti all’interno di contenitori per bigodini.

Era atterrato a Milano Malpensa

L’uomo era decollato proprio dal Brasile: ha fatto scalo tecnico a Madrid, poi il volo fino in Italia. Ed è stato nel momento di recuperare i bagagli che qualcosa non deve essere andato per il verso giusto. Il brasiliano pensava di aver recuperato la sua valigia. Peccato che così non fosse. Il bagaglio che ha recuperato era del tutto simile al suo. Ma non era il suo.

Leggi anche:  Manuela Bailo scomparsa: l'appello della sorella Arianna in tv

La gran parte degli uccelli non ce l’ha fatta

Della settantina di volatili (69, per l’esattezza), solo nove sono sopravvissuti. Sono stati affidati all’Enpa di Milano. Ogni uccellino, venduto al mercato nero, avrebbe fruttato al trafficante anche 400 euro. Calcolatrice alla mano, se il carico fosse andato a buon fine, il malvivente avrebbe guadagnato poco meno di 30mila euro. La Polizia sta ora indagando ulteriormente per rintracciare il legittimo proprietario del bagaglio. Che rischia grosso.