È morto venerdi, dopo alcune ore di agonia

Sandy non ce l’ha fatta

Il medico 53 enne soccorso sabato scorso dall’eliambulanza non ce l’ha fatta. Dopo una settimana in rianimazione Jusu Cyiril Sandy è morto venerdì presso gli Spedali Civili di Brescia dove era ricoverato.
Il 5 gennaio Sandy, così lo chiamavano gli amici e i pazienti in Italia, è stato colto da un malore nella sua abitazione di San Gervasio Bresciano, dove risiedeva.

I fatti

Il medico, 53 anni compiuti da pochissimi giorni, era da anni attivo nel servizio di continuità assistenziale sia nel territorio bresciano che in quello cremonese.
Coniugato e con un figlio, i suoi cari erano in Inghilterra al momento dell’evento. Dopo i diversi tentativi da parte della moglie quel giorno di contattarlo, rivelatesi senza successo, la donna aveva chiamato preoccupata i vicini di casa a San Gervasio chiedendo loro aiuto e subito si erano prestati a verificare la situazione ma anche loro non avevano avuto risposta dall’uomo e avevano di conseguenza allertato l’112.

L’intervento dei soccorritori

Elisoccorso Horus 1 della base Hems di Bergamo a San Gervasio Bresciano lo scorso sabato
Elisoccorso Horus 1 della base Hems di Bergamo a San Gervasio Bresciano lo scorso sabato
Sul posto erano intervenuti i Carabinieri della stazione di Pontevico, gli agenti della Polizia Locale del comando intercomunale di Leno, l’ambulanza del Gruppo verolese volontari del soccorso e i Vigili del Fuoco volontari di Verolanuova per accedere all’abitazione, dove l’uomo era stato rinvenuto riverso a terra.
Date le sue condizioni si era reso necessario l’intervento dell’elisoccorso della base Hems di Bergamo (Horus 1), in quanto l’Horus 2 della base di Brescia era impegnato in altra missione. Dopo averlo stabilizzato i sanitari erano decollati verso gli Spedali Civili di Brescia, dove Sandy si trovava in gravi condizioni nel reparto di rianimazione sino a quando si è verificato il triste epilogo. Pare che per lui sia stata disposta l’autopsia.
Diverse le comunità che piangono il medico ricordato da tutti come una persona gentile, sempre sorridente e come un grande professionista.