Una giornata di sport e sana alimentazione per oltre cinquanta bambini della scuola primaria di Calvisano, quella andata in scena sabato 17 febbraio. È quella proposta da Coldiretti Brescia che, all’interno del progetto “il cibo sano per ogni bambino” propone il rapporto virtuoso tra alimentazione sana e sport.

L’educazione alimentare

“L’educazione alimentare – ha spiegato il Presidente Ettore Prandini sabato– deve diventare una vera e propria materia di studio. E’ importante educare le nuove generazioni alla conoscenza dei prodotti del territorio e del vero Made in Italy. E’ quello che stiamo facendo con la collaborazione virtuosa nata con  Italian Padel e Agroittica Lombarda di Calvisano perché, se è importante fare sport, diventa fondamentale associare anche una dieta mediterranea, equilibrata e completa e in questo senso la presenza del pesce, nella dieta settimanale, è determinante”.

Lo storione bianco

Lo storione bianco– ha specificato Coldiretti – è un pesce dalla carne magra con un alto valore proteico , fonte di sali minerali, proteine, vitamine e sodio, ricco di omega 3, iodio, fosforo, zinco e vitamine A, B e D, che dona benefici sulla vista, sulla la pelle e sul cuore soprattutto di più piccoli. Oltre ad essere buono, quindi fa anche bene e per il particolare sapore della carne, risulta particolarmente gradito anche ai bambini che non sempre amano mangiare il pesce. “Incontrare i bambini è un’occasione meravigliosa –è intervenuto Mario Pazzaglia responsabile progetti speciali di Agriottica Lombarda  – per riscoprire il mondo con i loro occhi e anche se l’obiettivo è quello di fornire loro gli strumenti per vivere sani, possiamo farci contagiare dal loro entusiasmo e dalla loro curiosità, anche questo è un segreto per restare giovani”.

Leggi anche:  Rogo in un green box ad Azzano Mella. Chiamati i vigili del fuoco

Il padel

Lunedì, oltre a raccontare e far degustare lo  storione,  faremo conoscere agli studenti di Calvisano il Padel. E’ uno sport semplice e originale a cui tutti possono partecipare , bastano 4 giocatori, 4 racchette, una pallina e tanta voglia di divertirsi. “II Padel ha un importante potenziale nella formazione, nello sviluppo e nell’educazione dei giovani – è intervenuto Claudio Galuppini titolare di Italia Padel – permettendo anche dei benefici psicofisici quali, miglior concentrazione, minor stress, più autostima, maggior facilità a socializzare, più responsabilizzazione, più capacità di formazione  e rafforzamento del carattere  – e minor possibilità di casi di depressione”.