Ritrovato Marco Boni è il cadavere ripescato questa mattina nel lago di Garda.

Il ritrovamento

Lo hanno ripescato questa mattina nelle acque del lago di Garda i robot della polizia di Stato dopo che i sommozzatori lo avevano individuato in corrispondenza di località Sperone. Vanificate le segnalazioni arrivate dalla zona bresciana e da quella trentina del lago di Garda di persone che pensavano di averlo avvistato. Marco è stato ripescato cadavere.

Le ricerche

Intensificate e mirate sul lago di Garda perché il telefono che risultò spento da subito, dal momento della scomparsa, rimase attaccato alla cella. Telecamere e un testimone oculare inoltre lo videro quel 16 febbraio salire sulla strada panoramica di Ponale. Escluso inizialmente il suicidio o la fuga, ma ipotizzato un probabile incidente. Con il trascorrere dei giorni però la famiglia aveva ipotizzato un allontanamento volontario dalla famiglia.

Il ricordo

Semplice, appassionato di storia e originale. Questi gli aggettivi che compaiono vicino a questo ragazzo e che gli amici nel corso del tempo gli hanno affibbiato. Marco era uno studente del liceo Maffeo di Riva del Garda. Gli stessi amici che hanno manifestato la loro presenza, che hanno sperato di riabbracciarlo e che ora si dovranno preparare a salutarlo per l’ultima volta.

Leggi anche:  Schianto all’alba elisoccorso a Cadignano